Cosa fare quando si soffre il caldo?

Cosa fare quando si soffre il caldo?

Contenuti della guida:

Effetti del caldo sulla salute

Quando la temperatura dell’ambiente supera i 32 gradi, occorre cominciare ad allertarsi. Ad influire enormemente sul caldo percepito, è il tasso d’umidità che dipende dalla zona e dalla giornata. Sottoporsi a stress in giornate particolarmente umide è da evitare, altrimenti lo sforzo necessario dovrà essere doppio.

A seguito del caldo possono insorgere mal di testa, senso di pesantezza, spossatezza generalizzata e gonfiore agli arti. Questi disagi aumentano in relazione ad eventuali problemi di pressione sanguigna (pensiamo ai disagi ed agli svenimenti improvvisi che tanto preoccupano chi soffre d’ipotensione).

Prevenire e trattare il colpo di calore

Classica conseguenza del caldo eccessivo è il colpo di sole, che occorre dunque saper riconoscere.

Il rossore al viso, parecchio pronunciato, è la conseguenza più lampante che bisogna saper cogliere. Mal di testa e nausea possono seguire al rossore, sfociando in giramenti di testa e vertigini. Non mancano, nei casi più forti, tachicardia (aumento della frequenza cardiaca) e tachipnea (difficoltà ed affaticamento tali d’aumentare enormemente la frequenza respiratoria).

Altro sintomo è la febbre, in presenza della quale è indispensabile rivolgersi ad un medico. Quando il colpo di sole è leggero e non presenta in contemporanea tutti i sintomi sopraelencati, possono essere sufficienti alcuni accorgimenti:

  • trovare al soggetto in difficoltà un riparo all’ombra, meglio se ventilato, ma evitando passaggi repentini dal caldo torrido al freddo del condizionatore. Il raffreddamento deve necessariamente essere quanto più possibile graduale;
  • somministrare dell’acqua o degli integratori salini, anche questi non ghiacciati;
  • se il soggetto ha il volto pallido occorre che le gambe siano tenute alte, sollevate rispetto alla posizione sdraiata;
  • se, invece, appare arrossato in viso occorre raffreddare il suo corpo apponendovi acqua e ghiaccio su polsi e caviglie (punti particolarmente sensibili che, se stimolati, diffondono il fresco a tutto il corpo).

Per prevenire i colpi di calore o semplicemente alleviare il senso d’affaticamento dovuto al caldo, occorre scegliere d’indossare indumenti dai tessuti leggeri (si al lino, no ai sintetici). Oltre che più caldi ed aderenti, i tessuti sintetici possono per sfregamento arrecare fastidiose irritazioni cutanee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.