Come scegliere i colori delle pareti di casa?

Avete deciso di pitturare casa da soli, saggia scelta, ma ora dovete scegliere i colori delle pareti. E non sapete bene come fare. O avete delle idee ma temete di sbagliare.

Ecco quindi una guida specifica e approfondita su come scegliere i colori delle pareti di casa.

scegliere i colori delle pareti di casa

Dipingere casa: quali sono i colori più adatti?

I colori delle pareti rappresentano un po’ l’anima di ogni ambiente domestico.

Conferiscono alla stanza, agli oggetti e agli arredi presenti al suo interno un certo stile e una certa particolarità in relazione al colore usato.

Da sempre, infatti, la scelta dei colori delle pareti è fondamentale e, spesso, è necessario rinnovare entro un certo periodo di tempo le tinte che tendono a diventare sbiadite o a rovinarsi.

Naturalmente, è possibile che si voglia dipingere casa nuovamente anche per un semplice capriccio del momento o magari per seguire qualche moda o tendenza stilistica.

Qualsiasi sia il motivo che spinge a dipingere casa per il rinnovo della pittura delle pareti, è certo che sia un’operazione che si può eseguire anche da soli.

Prima di tutto, però, è necessario prendere familiarità proprio con i colori.

Criteri per scegliere i colori delle pareti

In base a cosa scegliere il colore delle pareti delle diverse camere di una casa?

Di sicuro sarebbe una scelta poco oculata dipingere di rosso le pareti della camera da letto, che dovrebbe essere un ambiente rilassante e che concilia il sonno.

Il rosso è decisamente un colore troppo forte e acceso per permettere a qualcuno di rilassarsi, al contrario infonde energia e carica e non voglia di riposo o relax.

Quindi, è bene tenere a mente che i colori, in generale, svolgono diverse funzioni, oltre a quelle di rendere più luminoso un ambiente e di conferirgli uno stile personale.

Un colore può donare vivacità a una stanza, conferire un tocco di allegria, ma anche rilassare la mente e la vista.

È anche vero che, di solito, si tende a optare per i colori che piacciono di più e far combaciare la propria personalità con la tonalità di colore prescelta.

Naturalmente scegliere il colore delle pareti seguendo i propri gusti non è del tutto corretto; infatti bisognerebbe tener in considerazione elementi quali l’uso dei diversi ambienti domestici e la funzione dell’illuminazione in ogni stanza.

Come scegliere i colori per dipingere casa

Come detto, è naturale che scegliere i colori delle pareti per dipingere casa è prima di tutto una questione soggettiva, perché non si opterà mai per una tonalità che non piace o non convince, ma piuttosto per un colore che si sposi con la propria personalità.

Questo, ovviamente, non basta: bisogna dare a ogni ambiente il suo colore, a seconda dell’uso che si decide di farne.

Per esempio, la pittura scelta per la cucina non potrà essere la stessa da usare nelle camere da letto o nell’ingresso.

Proprietà dei colori

Ogni colore ha, quindi, delle proprietà diverse

colori caldi

I colori caldi, come

  • giallo
  • rosso
  • arancio

si caratterizzano per le loro peculiarità energizzanti e luminose.

Infatti sono in grado di donare forza e allegria perché ricordano il sole e inneggiano al calore.

Colori freddi

Diverso il discorso per i cosiddetti colori freddi, ovvero:

  • blu
  • viola
  • verde

che invece sono colori tipici dell’acqua, ed evocano il mare, il cielo e la pioggia. Proprio per queste caratteristiche, vi si associano sentimenti di relax e di freschezza che infondono tranquillità.

Altri toni delicati

Oggi per dipingere casa si usano molto anche il rosa e il lilla nelle loro sfumature più chiare, se l’ambiente è una camera da letto, e nelle tonalità più decise per ambienti condivisi.

Naturalmente le tinte più delicate hanno la capacità di trasmettere una sensazione rilassante e di rendere intimo uno spazio, mentre quelle più forti riescono a infondere forza e carattere agli ambienti domestici.

Bianco

Il bianco è uno dei colori più usati perché si tratta di un colore luminoso, classico e moderno insieme, di classe e che riesce ad ampliare visivamente qualsiasi stanza.

Viene utilizzato anche nelle sfumature del panna o dell’avorio, o combinato con altre tinte chiare, per esempio il giallo o il glicine.

I colori ideali per ciascuna stanza di casa

Come sottolineato, quando decidete di dipingere casa ricordate che ogni ambiente vuole il suo colore.

E attenzione a decidere per quello giusto in tempo, altrimenti una volta sistemati gli arredi sarà complicato tinteggiare nuovamente.

Attenzione alle camere da letto e alla cucina.

Per quest’ultima la scelta deve ricadere su una tonalità calda, come il giallo o l’arancione, da poter abbinare magari al bianco o a sfumature di blu molto leggere, che aiutano ad allargare lo spazio.

Nulla vieta, dato che si tratta di una zona giorno, di usare in cucina anche tonalità più decise, facendo sempre attenzione che non creino contrasti visivi eccessivi.

Discorso diverso va fatto per le camere da letto, in quanto sono ambienti dediti al relax e al riposo, quindi la scelta dovrà necessariamente ricadere sui colori freddi.

Nel caso aveste anche camerette per bambini da tinteggiare, meglio optare per colori neutri e intensi. Per quanto riguarda le zone condivise, ovvero bagno, soggiorno o salotto e ingresso, bisognerebbe attenersi anche al buon senso nella preferenza dei colori.

Per l’ingresso, per esempio, la scelta più adeguata sarebbe quella di un bianco, che da solo ha la capacità di illuminare l’ambiente, mentre per il bagno vanno bene anche tinte forti, magari abbinate agli arredi o agli accessori scelti.

I colori più adatti al soggiorno sono le tinte calde, magari sfumate o nei toni pastello, perché si tratta di un’area giorno preposta all’accoglienza di eventuali ospiti, che devono sentirsi confortati e a loro agio entrando per la prima volta in una casa sconosciuta.

Casa monocromatica o policromatica

In realtà, già dall’inizio della nostra simpatica avventura per dipingere casa bisognerebbe decidere che tipo di casa vogliamo:

  • monocromatica
  • policroma

Se propendere per una abitazione monocromatica, ovvero dov’è un solo colore a dominare, oppure policromatica, ovvero se volete caratterizzare ogni stanza con un colore diverso.

Gli accostamenti, che si potrebbero creare nel caso decideste di tinteggiare ogni spazio con un colore differente, sono di due tipi, contrastanti e complementari.

Abbinando un colore freddo a uno caldo si ottiene inevitabilmente un contrasto cromatico, mentre accostando colori che risultano avere una tinta primaria in comune si può realizzarne una sfumatura complementare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.