Che cos’è un temporary shop?

Dall’inglese “temporary shop” significa alla lettera “negozio a tempo”. Si intende, cioè, uno spazio che viene occupato a rotazione (appunto, a tempo) da attività commerciali anche diverse tra di loro. Ultimamente questo business è diventato più diffuso e redditizio, soprattutto nelle grandi città. Affittare un “temporary shop” rappresenta un ottimo investimento per chi possiede un locale, in particolare se questo è ubicato in una zona centrale.

I temporary shop

Oggi un negozio di scarpe, domani una profumeria. Il “temporary shop” funziona così, e questa formula commerciale sta conquistando anche le marche più famose e prestigiose, oltre che le piccole e medie imprese alla ricerca di visibilità.

Chi è già proprietario di un locale e desidera farlo fruttare, può consultare l’Assotemporary per chiedere maggiori informazioni al riguardo. Il sito è: www.assotemporary.com, mentre se preferite un recapito telefonico chiamate il 02/7750363.

Ecco, in sintesi, i requisiti che un locale dovrebbe possedere per essere adibito a “temporary shop”. Innanzitutto, non è necessario che lo spazio sia grande, bastano anche solo 25 metri quadrati. Servono però una vetrina abbastanza spaziosa e un’ubicazione centrale.

L’allestimento è superfluo, perché verrà fatto di volta in volta a seconda delle attività commerciali che lo andranno ad occupare. Le imprese interessate a questo tipo di formula commerciale sono soprattutto quelle che operano nel campo della moda.

E’ quindi importante farsi conoscere in questo settore, frequentando le fiere e facendo pubblicità tramite siti internet. Anche l’adesione ad “Assotemporary” assicura una certa visibilità. Chi affitta il locale deve essere in grado di fornire anche alcuni servizi, come la licenza di vendita, un computer e una linea telefonica.

Se poi si tratta di una piccola azienda si deve destinare una spesa di almeno tremila euro per allestire lo spazio e pagare una campagna di pubblicità efficace. L’affitto del “temporary shop” viene formalizzato attraverso un apposito contratto (Assotemporary fornisce il modello a chiunque lo chieda), che va rispettato da entrambe le parti.

In genere dall’affitto di un locale di media grandezza si riesce a ricavare 2.500 euro a settimana, considerando una durata media di due mese. Insomma, con un minimo di investimento il guadagno non tarda ad arrivare.

3 Commenti

  1. Enzo
  2. Cristiana Lenoci
  3. umberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.