Il linguaggio dei fiori

In termini di delicatezza comunicativa, il linguaggio dei fiori non ha rivali: a partire dalla rosa fino al girasole, al tulipano, all’orchidea.

Si tratta di un linguaggio silenzioso, teso a sostituire o supportare le parole, secondo le regole di una comunicazione non verbale immutabile nel tempo.

Il linguaggio dei fiori

Capire il linguaggio dei fiori

E sappiate che i fiori non esprimono solo sentimenti positivi.

Ci sono fiori che esprimono sensazioni e stati d’animo negativi, come freddezza, indifferenza, gelosia, ed altri ancora che cambiano significato in base all’occasione o al contesto, ma anche al colore.

Caso tipico è la rosa, che assume un valore diverso a seconda della tinta dei petali.

In ogni caso, esistono dei fiori adatti per ogni occasione e un piccolo viaggio all’interno di questo mondo segreto è un’occasione di arricchimento spirituale e mentale.

Non è un caso se il linguaggio dei fiori nasce in epoca vittoriana….un’epoca tinta di romanticismo, di atmosfere sospese, di baci rubati, di romanzi d’amore tragici.

Le parole non godevano della libertà di oggi e il compito di parlare era affidato ai fiori.

Ne esisteva – e ne esiste ancora, perchè il linguaggio dei fiori si parla oggi come ieri – uno per ogni occasione.

I fiori positivi

Vediamo il linguaggio dei fiori per i sentimenti positivi:

  • acacia: simboleggia l’amore platonico e l’amicizia.
  • agrifoglio: rappresenta la prudenza.
  • anemone: indica il candore e la malinconia.
  • azalea: indica la fortuna.
  • calla: parla di raffinatezza e il caprifoglio la dolcezza.
  • dalia: simboleggia la riconoscenza
  • edera: rappresenta la tenerezza
  • fresia: raffigurazione dell’amore platonico.
  • gardenia: indicatore di sincerità
  • gelsomino: simbolo dell’amabilità.

I fiori negativi

Ma non solo sentimenti positivi. Nel mondo dei fiori c’è spazio anche per le passioni negative:

  • geranio: per indicare il capriccio
  • lavanda: per simboleggiare la diffidenza
  • ortensia: per trasmettere la freddezza
  • papavero: per rappresentare il dubbio
  • rosa gialla: per testimoniare l’invidia

Ora sapete tutto e potete comunicare attraverso il linguaggio dei fiori: petali, colori e profumi per tutta la gamma dei sentimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.