Come scegliere il piumone?

Quando inizia la stagione invernale è indispensabile che in casa si crea un ambiente salubre, confortevole e adatto a favorire il benessere di chi ci vive. Questo vale per i termosifoni, gioia e dolore di un ambiente che deve essere caldo sì, ma non troppo secco né umido, e vale anche e soprattutto per il riposo notturno.


Dormire bene e riposare nel modo corretto è fondamentale per svegliarsi al mattino riposati e carichi di energie. Se dormiamo male, al mattino il nostro corpo risentirà di tutta la stanchezza accumulata durante la notte. E il modo migliore per dormire male è quello di coprirsi troppo poco o, peggio ancora, di coprirsi troppo.

Come scegliere il piumone?

Se il corpo durante la notte sente freddo tenderà a rannicchiarsi, a contrarre i muscoli e assumere posizioni poco naturale. Il risultato è che al mattino si possono accusare dolori di varia natura, non certo il modo migliore per affrontare una lunga giornata.

Se invece il corpo durante la notte è troppo coperto si suda. E sudare la notte non va bene, perché il corpo si affatica e il risultato è che al mattino ci svegliamo stanchi, probabilmente più stanchi di quando siamo andati a dormire la sera prima.

La chiave di volta è lui: il piumone! Il piumone è un accessorio fondamentale dentro casa, soprattutto in inverno, quando le basse temperature di notte richiedono più di una semplice coperta.

Comprare il piumone giusto non significa soltanto mettersi al riparo dal freddo, ma vuol dire anche avere un sonno di qualità, fatto di caldi momenti di relax.

I fattori per la scelta

Ma  scegliere il piumone giusto per le nostre esigenze, senza correre il rischio di sbagliare? Ecco allora quali sono tutti gli aspetti, le caratteristiche tecniche e anche quelle estetiche da prendere in considerazione per fare la scelta giusta!

Scegliere il piumone per l’imbottitura

Cominciamo dall’elemento fondamentale per la scelta di un buon piumino: l’imbottitura. Per non passare notti insonni, sudati o in balia del freddo per colpa di un piumone che non è adatto alla temperatura presente in casa, è indispensabile prendere in considerazione i materiali.

E quali sono i materiali offerti dal mercato? Quali caratteristiche offrono in relazione a comfort e benessere? Allora partiamo da qui.

L’imbottitura più ambita, e anche la più costosa, è il “piumino”, fatto con  piume di anatre e oche. Ha una resa migliore in termini di leggerezza e isolamento termico ed è costituita da fiocchi morbidi e leggeri che creano una sorta di cuscinetto d’aria in grado di isolare il corpo dall’ambiente esterno, trattenendo così il calore corporeo. Maggiore è la qualità dei fiocchi e maggiore sarà il comfort ottenuto.

Esiste anche un altro materiale,  la “piumetta”, formato da piume più morbide ed elastiche, che donano all’imbottitura resistenza e naturalezza.  Nell’imbottitura ideale di un piumone, le piumette non dovrebbero mai superare il 10% in termini di presenza.

Scegliere il piumone per il filling power

Un altro parametro importante per scegliere bene il piumone è il filling power, un valore che indica il rapporto tra il volume e il peso dell’imbottitura.

Se il filling power è un valore elevato, questo si traduce automaticamente in una migliore qualità della piuma: se la piuma  è pregiata, infatti, minore sarà la quantità che ne serve per ottenere una buona imbottitura. Il piumone risulterà soffice e leggero.

Scegliere il piumone per i prodotti anallergici

Nella valutazione, per essere certi di effettuare un acquisto intelligente, è importante anche fare una serie di valutazioni di carattere personale, indispensabili soprattutto per chi soffre di allergie.

In camera da letto, purtroppo, la polvere e onnipresente, tende ad accumularsi ovunque e questo potrebbe rappresentare un grande problema, soprattutto perché il piumone è uno dei luoghi dove la polvere si deposita più facilmente.

Se questo è il vostro caso, dovrete orientare la vostra scelta verso un prodotto realizzato esclusivamente con materiali antibatterici e anallergici, che siano documentati e presentino certificati specifici di sterilizzazione.

Solo così potrete contare su un prodotto in grado di garantire un ambiente di riposo naturale, pulito e al riparo da acari e batteri.

Scegliere il piumone per resistenza e praticità d’uso

Tutti, almeno una volta, abbiamo provato a infilare il piumone nel copripiumone senza riuscirci nel modo corretto. Questa operazione può diventare una vera e propria seccatura, che può farci perdere anche molto tempo se non viene eseguita nel modo corretto.

Ecco perché è importante che il piumone sia comodo, pratico e anche resistente, ai lavaggi e a tutte le operazioni di pulizia indispensabili per mantenerlo nel modo migliore.

In commercio esistono modelli dotati di sistemi esclusivi che facilitano l’inserimento del piumone nel copripiumino e fissano l’imbottitura impedendo così qualsiasi tipo di spostamento. All’interno non si sposterà nulla e voi non dovrete perdere troppo tempo a rifare il letto al mattino, sistemando il piumone angolo per angolo.

Scegliere il piumone per la durata

Molto spesso, per ragioni economiche e per risparmiare, si punta sempre su prodotti che costano un po’ meno ma che, purtroppo, peccano in qualità.

Questa decisione può apparire strategica in un primo momento, ma dopo qualche tempo potreste accorgervi che il vostro piumone è di qualità scadente e che i materiali con i quali è stato confezionato non gli garantiranno una buona durata.

Assicuratevi sempre che il piumone che acquistate sia stato realizzato con materiali garantiti, certificati e soprattutto di qualità. In questo caso, i prezzi saliranno inevitabilmente ma voi potrete avere la certezza di un acquisto mirato e destinato a durare nel tempo, che non si rovina a ogni lavaggio.

Scegliere il piumone per design ed estetica

Le caratteristiche tecniche sono molto importanti, certo, ma anche l’occhio vuole la sua parte: dopotutto si tratta pur sempre di un accessorio che per tutto l’inverno farà parte della camera da letto.

Quindi non è solo una questione di comfort, di qualità e di praticità, ma anche il design e l’estetica devono giustamente avere la loro importanza.

Esistono piumoni in tinte naturali, piumoni di colore bianco, piumoni colorati, impreziositi con disegni e stampe. Ce ne sono davvero di tutti i tipi, basta solo scegliere quello che è più in linea con le nostre esigenze e, in questo caso, con i nostri gusti.

Considerazione generali sulla scelta

Abbiamo visto quali sono le caratteristiche tecniche che un piumone deve avere per essere considerato un prodotto di buona qualità e per garantire a chi lo userà comfort e un riposo fatto di relax e benessere.

Decidere quale, tra i molteplici modelli presenti sul mercato, è più adatto alle nostre esigenze non è certo facile; ci vuole un po’ di pazienza, attenzione nel vagliare gli standard qualitativi e l’occhio giusto da indirizzare verso l’estetica.

Noi vi abbiamo fornito degli elementi che sicuramente potranno esservi utili nella vostra scelta, ora tocca a voi. Buona ricerca e buon riposo a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.