Uso del bicarbonato

guida all' uso del bicarbonato

Uso del bicarbonato per i problemi di digestione

Chi non si è mai visto offrire, dopo un’abbuffata o dopo un pasto troppo pesante, l’uso del bicarbonato in mezzo bicchiere d’acqua? La famosa “punta di bicarbonato” che in caso di indigestione o di bruciore di stomaco le nostre nonne ci proponevano era ed è un efficace rimedio naturale. Perché il bicarbonato aiuta a digerire? Perché esso se disciolto in acqua si trasforma in una sostanza basica, utile quindi per contrastare fasi di acidità gastriche. Più che di aiuto vero e proprio per la digestione si tratta, quindi, di un’azione di bilanciamento laddove il ph gastrico sia stato alterato. La digestione, dunque, sarà meno “dolorosa” e darà vita ad un minor numero di rigurgiti acidi.

In commercio possiamo trovare il bicarbonato in forma pura, cioè in polvere e senza alcuna aggiunta, oppure sotto forma di cristalli leggermente dolci ed effervescenti: l’effervescente granulare che non manca mai nelle nostre dispense non è altro, infatti, che bicarbonato di sodio a cui sono stati aggiunti zucchero, aromi ed acido malico per renderlo più gradevole. Il bicarbonato di sodio allo stato puro, infatti, ha un sapore un po’ acido e pungente. Con queste piccole aggiunte risulta, invece, una base con cui preparare sfiziose bevande dissetanti oltre che digestive.

Uso del bicarbonato con gli alimenti: lavare, cuocere, ammorbidire

Il bicarbonato è un buon disinfettante naturale che può essere usato per lavare frutta e verdura. La sola acqua, infatti, può non essere sufficiente per eliminare le tracce di pesticidi ed altri medicinali usati in agricoltura. Meglio allora avvalersi del bicarbonato, specie se si vive in città e non si scelgono prodotti bio: versate un cucchiaino per ogni litro d’acqua in un recipiente e lasciate frutta e verdura nell’acqua e bicarbonato per almeno 10 minuti. Sciacquate e consumate senza timori.

Il bicarbonato è usato spesso per cuocere i legumi secchi. Aggiungendone un cucchiaino per litro d’acqua nell’acqua in cui si mettono a mollo i legumi, infatti, si accorceranno di molto i tempi di cottura e si avranno legumi più morbidi in breve tempo. Anche nei bolliti, aggiungendo un po’ di bicarbonato, le carni risultano più tenere. Quando si preparano dolci o impasti salati che devono lievitare, infine, unendo ai lieviti in polvere anche un cucchiaio di bicarbonato si avranno manicaretti meglio lievitati e quindi più leggeri.

Uso del bicarbonato: dagli alimenti all’argenteria

Vediamo di seguito alcuni dei possibili usi che si possono fare del bicarbonato, sia per quanto riguarda la cura della persona che per la casa e la cucina.

Per lavare la frutta e la verdura

Immergere la frutta o la verdura nell’acqua fredda aggiungendo un cucchaio di bicarbonato per ogni litro di acqua utilizzata. Lasciare ‘a bagno’ per alcuni minuti, non meno di dieci, in modo che il bicarbonato faccia il suo effetto, e poi risciacquare il tutto sotto l’acqua corrente, lasciandola scorrere in abbondanza così da eliminare ogni residuo.

Il bicarbonato per facilitare la lievitazione dei dolci

Il bicarbonato è utile per rendere più soffici e fragranti sia i dolci che le torte. Può essere quindi una buona idea aggiungere un pizzico di bicarbonato ogni mezzo chilo di farina, oppure scioglierlo direttamente nel latte. La torta o i biscotti ci guadagneranno in morbidezza.

Il bicarbonato per ammorbidire i legumi secchi

Mettere a bagno le lenticchie, i fagioli o i ceci come si fa di solito e aggiungere per ogni litro di acqua mezzo cucchiaio di bicarbonato. Prima di procedere alla cottura risciacquare i legumi sotto acqua corrente e poi mettere un cucchiaio di bicarbonato anche nell’acqua della cottura.

Il bicarbonato per un bagno rilassante

Versare 100 gr di bicarbonato nell’acqua calda della vasca senza aggiungere oli o saponi. Per una decina di minuti rimanere immersi nella sola acqua con il bicarbonato, e solo dopo utilizzare l’abituale detergente, aggiungendolo nella vaasca per rilassarsi ancora un pò e beneficiare degli effetti di entrambi.

Il bicarbonato per il pediluvio

Il pediluvio col bicarbonato è un classico che non tramonta mai. Per piedi e gambe stanchi, affaticati, gonfi, non c’è niente di meglio del buon vecchio bicarbonato, che in questo caso rappresenta uno dei rimedi naturali più efficaci. Si sciolgono nell’acqua tiepida, non troppo calda, due cucchiai di bicarbonato, considerato che ne va aggiunto uno per ogni mezzo litro. Dieci-quindici minuti il tempo di ‘posa’ per rilassare e rinfrescare i piedi.

Per lucidare l’argenteria

L’argento ha bisogno di delicatezza per risplendere, i prodotti aggressivi non vanno bene. L’ideale è un panno di lino o di puro cotone insieme ad un cucchiaino di bicarbonato. Posate e soprammobili torneranno lucenti senza grande fatica.

Usare il bicarbonato per cura della persona

Alcune piccole abitudini possono mantenere la persona in perfetta forma senza ricorrere di continuo ai centri estetici. Diversi utilizzi del bicarbonato di sodio ci aiutano anche in questo! Quando si ha bisogno di un bagno rilassante, ad esempio, nella vasca da bagno si può aggiungere del bicarbonato oltre ai classici sali da bagno. Per un pediluvio settimanale che allevi il senso di pesantezza e aiuti ad ammorbidire le cuticole delle dita dei piedi ed i duroni, un paio di cucchiai di bicarbonato in acqua bollente sono perfetti.

Sorriso poco splendente? Per denti bianchi subito mettete un po’ di bicarbonato sullo spazzolino da denti, come fosse dentifricio, e spazzolate: facendo quest’operazione 3 o 4 volte a settimana si potrà dire addio ai denti gialli, conseguenza di troppi caffè e del tabagismo o a volte di una cattiva igiene orale.

Dal momento che il bicarbonato è anche un prodotto naturale usato anche come disinfettante, infine, esso viene impiegato anche per pulire parti sensibili affette da infezioni. Le donne che hanno sofferto di cistiti e candide sanno che delle lavande vaginali con acqua tiepida e bicarbonato di sodio puro sono consigliate dagli stessi medici per accelerare le terapie farmacologiche. Quando ci si imbatte in una di queste due fastidiose patologie, che colpiscono almeno una volta nella vita una donne su tre, la massima igiene è fondamentale per far sì che esse guariscano più velocemente possibile. Le parti interessate vanno lavate più volte al giorno, almeno una volta fra queste con saponi appositi e le restanti volte, per dar un po’ di sollievo, con sola acqua e bicarbonato (ne basterà un cucchiaio circa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.