Quali cosmetici portare in aereo?

Estate, tempo di voli e vacanze. L’aereo è il mezzo di trasporto ideale per un soggiorno mordi e fuggi, oppure per una lunga vacanza in Paesi lontani. Ci sono delle regole precise circa il trasporto dei cosmetici, ovvero dei prodotti che è meglio tenere in borsetta e quelli che invece possono essere riposti in valigia. Conviene conoscerle prima di salire a bordo dell’aereo in modo da organizzare al meglio i propri bagagli e prepararsi ad un viaggio più confortevole. L’Unione Europea ha emanato una precisa normativa sui prodotti “liquidi” ammessi a bordo di un aereo. Per la fine di Aprile

Estate, tempo di voli e vacanze. L’aereo è il mezzo di trasporto ideale per un soggiorno mordi e fuggi, oppure per una lunga vacanza in Paesi lontani. Ci sono delle regole precise circa il trasporto dei cosmetici, ovvero dei prodotti che è meglio tenere in borsetta e quelli che invece possono essere riposti in valigia. Conviene conoscerle prima di salire a bordo dell’aereo in modo da organizzare al meglio i propri bagagli e prepararsi ad un viaggio più confortevole.

L’Unione Europea ha emanato una precisa normativa sui prodotti “liquidi” ammessi a bordo di un aereo. Per la fine di Aprile 2011 era stata prevista l’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo per la sicurezza in volo, ma a quanto pare ci sono stati alcuni problemi circa l’attuazione, e quindi la Commissione Europea ha chiesto di differirne l’entrata in vigore. Rimangono quindi valide, al momento, le norme sul trasporto dei liquidi contenute nel Regolamento Ce 820/2008. Queste disposizioni sono state accettate dall’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile), e dalle compagnie aeree ed aeroporti di altri Paesi europei quali la Svizzera, la Norvegia, l’Islanda, la Croazia e Singapore. Vediamo cosa stabilisce al riguardo il suddetto regolamento Ce. Innanzitutto: quali categorie di prodotti sono da considerarsi “liquidi”?

Ecco un elenco: profumi, creme, oli e lozioni, gel per capelli e doccia schiuma, i prodotti in bomboletta (deodoranti, schiume in genere e schiuma da barba), spray, prodotti in pasta, come il dentifricio, miscele di solidi e liquidi, mascara e ogni prodotto che abbia una consistenza analoga. In base a tale lista, quasi tutti i cosmetici rientrano nella categoria dei “liquidi”: le creme per il corpo, il latte detergente, la crema solare, i prodotti per il make-up come correttore, ombretto e lucidalabbra. Tali liquidi possono essere trasportati senza alcun problema nel bagaglio da stiva, ma sono ammessi con il contagocce se invece si desidera portarli nel bagaglio a mano. Questi sono i limiti stabiliti: si possono portare soltanto recipienti le cui dimensioni siano previste dalle norme Iata (la somma di larghezza, altezza e profondità non deve superare i 115 centimetri). La capacità massima prevista è di 100 millilitri, e la busta che li contiene, che deve essere richiudibile e in plastica, non deve superare la capacità di un litro.

In commercio esistono anche contenitori dalle dimensioni giuste per il trasporto aereo in cui travisare i prodotti preferiti che si vuole portare con sé in viaggio. Al momento del controllo, la busta va estratta dalla borsa e passata ai raggi X, insieme agli altri oggetti di cui parla il Regolamento. Per i prodotti “solidi”, non vi sono limiti. Si possono portare nel bagagliaio a mano rossetti, saponette, stick per le labbra, ombretti, ciprie, terre abbronzanti, fard compatti. Non sono invece ammessi per nessun motivo nel bagagliaio a mano la limetta per le unghie e le forbicine. Molto utili e ammesse senza problema le salviettine umidificate. Le aziende cosmetiche, naturalmente, si sono attrezzate per fronteggiare il problema, offrendo comodi travel-kit contenenti tutto l’indispensabile sia per la donna, che per l’uomo.

3 Commenti

  1. daniela
  2. jo 55
  3. Giovanni Lattanzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.