Qual è il modo più sicuro per far dormire i bambini?

Contenuti della guida:

Come far dormire sicuro il bambino

È bene controllare il bambino da vicino, ma è preferibile non dormire con lui nello stesso letto. Averlo nella stessa stanza, in culla vicina al letto dei genitori, è un buon modo per vegliare sul suo sonno e poter intervenire immediatamente in caso di necessità.  Il bambino va generalmente apposto a pancia in su, senza cuscino.

Il materasso dovrebbe essere preferibilmente rigido. Tuttavia, se il bambino manifesta disturbi, o soffre di rigurgiti notturni è bene pensare ad un variamento di posizione parlandone con il pediatra. Esistono specifici cuscinetti antirigurgito che possono rimediare a questa tendenza del bebè. La culla, compatibilmente con la stanza, non deve mai essere posta vicino a fonti di freddo o calore.

Va evitata la vicinanza di finestre, caloriferi e stufe, questi possono creare sbalzi eccessivi di temperatura favorendo l’insorgenza d’un indebolimento del bambino. La temperature ideale, da mantenere nell’ambiente, dovrebbe aggirarsi tra i 18° ed i 20°. Coprire il bambino con tante coperte, rimboccandole con eccessiva tensione, può essere più pericoloso che necessario. Se il bambino lo gradisce, si può lasciare in sua compagnia un peluche.

Questo deve essere però debitamente controllato, non deve avere parti (occhi, naso, bottoni) removibili, avere pelo raso e non perdere peli, essere composto in tessuto anallergico meglio se lavabile.  Sebbene avere il bambino sotto gli occhi sia una garanzia di sicurezza, è altrettanto rispettabile la scelta d’abituare il bambino a dormire da solo in una sua cameretta limitrofa a quella dei genitori. In questo caso diventano indispensabili degli strumenti di controllo, audio e video.

Questi apparecchi devono essere apposti in modo tale che l’inquadratura riprenda il bambino ed emetta suoni in modo facilmente udibile.

Condivi l'articolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.