Come scegliere i produttori di oli essenziali?

i produttori di oli essenziali

Contenuti della guida:

Scegliere tra i produttori di oli essenziali

Se individuare l’olio essenziale giusto per noi è abbastanza facile, ben più complesso è scegliere tra i produttori di oli essenziali. Non è facile, perchè esistono molte marche e altrettante sono le aziende che li producono.

L’importante in questo caso è evitare il fai da te e ricorrere sempre al consiglio del medico o dell’erborista prima di acquistarne uno. Così da essere sicuri di scegliere tra i produttori migliori sul mercato per quel particolare tipo di olio che fa al caso nostro.

I migliori produttori

Di seguito riportiamo una piccola selezione dei marchi più importanti nel campo della produzione di oli essenzali, così da potersi fare un’idea di base.

Aboca

Azienda impegnata da anni nel campo degli oli essenziali e in generale degli estratti fisioterapici.

Grazie ad un process produttivo verticalizzato, Aboca riesce a controllare direttamente l’intero percorso di produzione degli oli.

La semina, il confezionamento del prodotto finito, la distribuzione in farmacia ed erboristeria sono pertanto seguiti un passo dopo l’altro, per avere la certezza della qualità degli oli essenziali finali.

Flora

Marchio molto noto per la produzione di oli essenziali, che sono spesso provvisti anche di certificato biologico. 

I prezzi non sono elevati, e comunque vantaggiosi rispetto alla qualità, e sono disponibili non solo nelle erboristerie ma anche in diverse catene del biologico.

Per completare l’offerta, Flora ha preparato dei libri che insegnano a distinguere e ad usare al meglio le diverse essenze.

Sanoflore

L’azenda è francese e correda ogni singolo olio essenziale del certificato bio.

Oltre all’impegno nella ricerca per trovare sempre nuove essenze da mettere al servizio del benessere, Sanoflore si occupa anche della presentazione e dell’utilizzo degli oli.

Per renderli facilmente fruibili ha previsto infatti anche delle confezioni in spray, comode da portare in borsa.

Natyr

La partcolarità di questi oli essenziali è la provenienza da progetti del commercio equo e solidale.

La menta, ad esempio, proviene dall’Hymalaya, mentre lo zenzero e l’eucalipto dall’Ecuador.

Per questo motivo non vengono prodotte moltissime varietà di oli essenziali. E Natyr tende a utilizzare le poche essenze di cui si rintraccia la provenienza da un’area del commercio equo e solidale, non solo singolarmente ma anche miscelate fra loro.

Condivi l'articolo

1 commento su “Come scegliere i produttori di oli essenziali?”

  1. Dispositivi medici Vs Farmaci da banco

    Per commercializzare un farmaco da banco il titolare deve ottenere l’Autorizzazione all’Immissione in Commercio (AIC) dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA). Questo medicinale può essere prescritto dal medico per portarlo in detrazione del 19% allegando lo scontrino fiscale. Il farmaco da banco può essere oggetto di pubblicità presso il pubblico.
    Alla tv noto un proliferare di prodotti dichiarati “dispositivi medici”, spesso formulati con piante medicinali (sciroppi per la tosse, tavolette, gel e spray per il mal di gola, antiacidi per il bruciore e mal di stomaco, ecc.), che dovrebbero agire solo o prevalentemente per effetto meccanico/barriera. E questi godono degli stessi benefici dei farmaci da banco: detrazione, pubblicità, ecc. Il produttore (non farmaceutico) può commercializzare col marchio CE i dispositivi medici di classe I con un’autocertificazione, scansando anche le relative verifiche dell’AIFA sulla correttezza delle modalità di produzione.
    Come consumatore questo stratagemma non mi piace per niente.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.