In cosa consiste il massaggio svedese?

Il che cosa consiste il massaggio svedese?

Il massaggiatore va ad agire sulle varie parti del corpo, alternando su di esse diverse manovre, concentrandosi in particolare su quelle zone che necessitano di maggiore attenzione. Il massaggio svedese può essere più o meno energico, a seconda dei casi e in base alla scelta dell’operatore. I movimenti più leggeri servono ad accrescere il senso di rilassamento e a stimolare la circolazione linfatica, mentre quelli più intensi e vigorosi restituiscono tonicità alla muscolatura. Dopo una singola seduta di massaggio i muscoli appaiono ossigenati, la circolazione linfatica e sanguigna migliora notevolmente, i tessuti e gli organi appaiono visibilmente nutriti. La sensazione di benessere che ne consegue coinvolge sia il corpo che la mente.

 I cinque movimenti principali per praticare un massaggio svedese

Alla base del massaggio svedese vi sono cinque movimenti principali, che lo stesso Luig ha descritto in maniera dettagliata. Ecco quali sono:

1) Frizione: tale manovra si effettua con il palmo della mano o con i polpastrelli delle dita, ed è utile a rendere i muscoli più tonici ed elastici. E’ adatta per intervenire sulle zone critiche colpite dalla cellulite e per trattare la schiena;

2) Sfioramento: questa manovra viene in genere effettuata all’inizio e al termine della seduta. L’operatore fa scivolare il palmo della mano sul corpo della persona dosando bene movimenti leggeri ed energici. Aumentando la pressione, si coinvolgono i muscoli e i tessuti più profondi;

3) Impastamento: i muscoli vengono “lavorati” con movimenti particolari al fine di eliminare le tossine e migliorare l’ossigenazione;

4) Vibrazione: il movimento consiste in una pressione del palmo della mano sulla zona da trattare. I movimenti, essendo molto rapidi, provocano sull’individuo una vibrazione che rilassa i muscoli;

5) Percussione: si effettua muovendo le mani con rapidità sul corpo del soggetto, in maniera ritmica. Questo movimento favorisce la contrattilità muscolare e la vasodilatazione, ed in genere viene eseguito a fine massaggio.

A cosa serve il massaggio svedese

Sono tanti gli studi che confermano gli effetti benefici del massaggio svedese. Recentemente uno studio condotto da alcuni ricercatori americani ha confrontato su un campione di volontari gli effetti di un massaggio svedese energico con quelli di un massaggio più leggero. Alle persone che si sono sottoposte allo studio è stato prelevato un campione di saliva e di sangue prima e dopo il trattamento. L’analisi ha evidenziato che i valori di chi si era sottoposto ad massaggio lieve non erano cambiati granchè, mentre coloro che avevano provato il massaggio svedese mostrava una riduzione dei livelli di arginina-vasopressina, un netto aumento dei linfociti e una diminuzione delle citochine.

Controindicazioni

Poiché interviene in maniera diretta ed energica sulla circolazione della sangue, il massaggio svedese non è indicato per chi soffre di flebite, problemi cardiaci e aterosclerosi. Inoltre questo tipo di massaggio deve essere evitato in caso di disturbi influenzali, febbre, micosi della pelle ed infezioni. Durante la gravidanza è consigliabile evitare questo trattamento.

Una risposta

  1. Massimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.