Il rilassante più famoso, la camomilla?

Le virtù della camomilla sono note anche ai profani del mondo delle erbe: siamo in presenza del calmante per eccellenza, di un sedativo naturale, di un tranquillizzante infallibile.

  • Mal di stomaco? Una tazza di camomilla distende.
  • Nervoso? Una tazza di camomilla tranquillizza.
  • Difficoltà a prendere sonno? Una tazza di camomilla rilassa.

Una sorta di panacea per molti mali, come già testimoniava Ippocrate 500 anni prima di Cristo.          

La sua attività sedativa è legata ai flavonoidi, in particolare all’apigenina, che attenua gli spasmi e regala ai fiori il colore giallo.

Generalmente la camomilla viene adottata per la proprietà sedativa, ma in realtà anche nei confronti dello stomaco svolge un’azione affatto blanda, perchè interviene direttamente sulle mucose dello stomaco grazie al bisabololo.

Inoltre, è antinfiammatoria, per cui si rivela utile in caso di infiammazioni varie, siano esse a carico del cavo orale o della pelle, sempre per merito dei flavonoidi che inibiscono gli enzimi alla base dei processi infiammatori.

Quindi anche per il mal di gola: una tazza di camomilla e il bruciore si allontana.

E per il raffreddore: una tazza di camomilla e il naso si decongestiona.

Vediamo in quali modi si può assumere questo rimedio naturale.
La tisana è il veicolo più diffuso: una bustina già pronta oppure fiori da preparare per infusione, un pochino di miele (non più di 2 cucchiaini) e ci si trova in un’oasi di tranquillità, propizia a chi non ha problemi e vuole solo rilassarsi prima di dormire o alla fine di una lunga giornata, e per chi è nervoso, stanco, irritato, malaticcio e desidera sentirsi meglio.

Alternativa valida è il massaggio con olio essenziale di camomilla, particolarmente efficace in caso di indolenzimento o dolore muscolare.
O ancora, il bagno: acqua calda, fiori di camomilla oppure olio essenziale e rilassarsi è immediato.

Ultima virtù della delicata pianta riguarda i capelli, perchè la camomilla ha un effetto schiarente sul cuoio capelluto: la scelta di shampoo a base di camomilla oppure l’applicazione diretta diluita con acqua assicurano l’esaltazione dei capelli chiari e il progressivo (ulteriore) schiarimento degli stessi. Ovviamente parliamo di chiome dal colore chiaro: la camomilla sul nero non fa niente, mentre sul castano chiaro e sul biondo si.

2 Commenti

  1. marilena
  2. Debora De Santis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.