Il finocchio per digerire

finocchio

Perché è utile mangiare il finocchio per digerire?

Il finocchio è innanzitutto buono, fresco, leggero e per niente impegnativo dal punto di vista della preparazione. Rappresenta l’emblema dell’alimentazione sana, non solo durante il pasto, come contorno, ma anche come snack per bloccare la fame. Si può gustare a fette, a spicchi, a rondelle, a listarelle, alla julienne, a sfoglia.

Le sue proprietà sono accertate: stimola la digestione, nella misura in cui aiuta lo stomaco a svolgere le sue funzioni naturali. È un ottimo rimedio per la fastidiosa sensazione di pesantezza.

Elimina l’aria

Anche contro l’aerofagia il finocchio svolge un’azione efficace. Per questo motivo, viene spesso somministrato ai neonati sotto forma di tisana che li aiuta a liberarsi dal fastidio delle colichette.

L’aerofagia è causata dalla tendenza ad ingurgitare aria, più aria di quanta ne serva e la conseguenza diretta è il rigonfiamento dell’addome.Il problema è abbastanza diffuso, e c’è chi ne soffre non solo in concomitanza con le esagerazioni alimentari, ma come costante della vita quotidiana. La pancia è sempre gonfia, per via di disturbi come appunto l’aerofagia o anche per la colite, per il semplice accumulo di cibi pesanti e lenti da digerire.  La sensazione di gonfiore che ne consegue è assolutamente fastidiosa oltre che anti-estetica e va combattuta con tutte le armi a disposizione.

La più affilata è il finocchio,si tratti di aerofagia o di semplice accumulo di cibi pesanti e lenti da digerire.  Il finocchio contiene infatti una serie di sostanze -dall’olio essenziale al pinene al limonene- che intervengono nel processo della digestione e la agevolano.

Gustoso e rinfrescante, e nel momento stesso in cui provoca una sensazione di sazietà, provvede in realtà a stimolare la digestione.Il finocchio, quindi, attenua quel gonfiore che è causato, tra le altre cose, da un processo digestivo non ottimale e da una eliminazione incompleta dei gas addominali.

La tisana ai semi di finocchio è indicata sia per i bambini che per gli adulti, la sera prima di dormire o prima dei pasti. In alternativa, se si preferisce la forma solida, si può mangiare in diversi modi: crudo in insalata, cotto, come ingrediente di condimenti o di zuppe vegetali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.