Qual è la migliore posizione dei piccoli elettrodomestici in cucina?

Posizione dei piccoli elettrodomestici in cucina Per pensare a quali piccoli elettrodomestici acquistare, è bene tenere a mente dove li potremo sistemare in cucina, in relazione allo spazio che possiamo avere a disposizione: appare ovvio che non è necessario possedere tutti i piccoli elettrodomestici che esistono in commercio, il solo elenco appena fatto è piuttosto numeroso; scegliere i piccoli elettrodomestici anche in base a quanto spazio abbiamo per collocarli, potrebbe già essere un criterio utile per capire ad esempio se comprare apparecchi multifunzione oppure con funzioni dedicate. Esiste poi una regola fondamentale quando si pensa a dove collocarli, ossia la

Posizione dei piccoli elettrodomestici in cucina

Per pensare a quali piccoli elettrodomestici acquistare, è bene tenere a mente dove li potremo sistemare in cucina, in relazione allo spazio che possiamo avere a disposizione: appare ovvio che non è necessario possedere tutti i piccoli elettrodomestici che esistono in commercio, il solo elenco appena fatto è piuttosto numeroso; scegliere i piccoli elettrodomestici anche in base a quanto spazio abbiamo per collocarli, potrebbe già essere un criterio utile per capire ad esempio se comprare apparecchi multifunzione oppure con funzioni dedicate.

Posizione dei piccoli elettrodomestici in cucina

Esiste poi una regola fondamentale quando si pensa a dove collocarli, ossia la distanza di sicurezza tra le prese di corrente, i dispositivi elettronici e lavello e rubinetto, che deve essere di almeno 60 cm.

Il consiglio è quello di riservare una porzione del top del piano di lavoro proprio a questi piccoli elettrodomestici, possibilmente vicino alle prese di corrente e obbligatoriamente ad almeno 60 cm di distanza dalle fonti d’acqua. Avere a portata di mano determinati apparecchi di questo genere rende agevole e semplice l’aiuto che questi elettrodomestici ci forniscono in cucina.

Sul piano di lavoro occorre sistemare quegli apparecchi che intanto necessitano di essere appoggiati, e che in secondo luogo utilizziamo di più: intanto in questo spazio sistemeremo la bilancia per pesare gli alimenti; poi, se per esempio al mattino siamo soliti fare colazione con un succo di frutta preparato in casa o con un succo d’arancia, sul top adibito ai piccoli elettrodomestici sistemeremo la centrifuga e/o lo spremiagrumi.

Se utilizziamo spesso il fornetto elettrico per scaldare o cuocere i cibi, sistemeremo anche quello; se siamo soliti prepararci dei tost oppure dei panini, sistemeremo anche il tostapane o il sandwich maker; se generalmente ci piace gustare la carne alla griglia, anche la bistecchiera troverà posto sul top; se siamo amanti del formaggio sulla pasta, metteremo anche la grattugia elettrica.

Se lo spazio sul top non ci basta, possiamo applicare al muro al di sopra di questo e al di sotto dei pensili, delle mensole lunghe e strette, dove collocare gli apparecchi più piccoli, come lo spremiagrumi o la grattugia elettrica.

Nel cassetto insieme alle posate invece, vanno quegli apparecchi che vi possono trovare collocazione per logica e per spazio occupato:

  • coltello elettrico
  • pelaverdure
  • apriscatole elettrico

sono tutti apparecchi che per dimensioni e utilizzo possono stare tranquillamente nel cassetto delle posate. Adibite invece l’interno di una o due ante dei pensili o delle basi della cucina, per contenere i piccoli elettrodomestici che utilizzate di rado:

  • frullatore
  • macchina per i popcorn
  • gelatiera
  • yogurtiera
  • macchina per la fonduta

che servono a preparare pietanze particolari. Attenzione a non sistemare gli apparecchi di quest’ultima categoria in luoghi dove possano essere raggiunti dall’acqua, come nella base sotto al lavandino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.