Come scegliere l’ombrellone da giardino?

Orientarsi l’ombrellone da giardino non è affatto facile, tanto grande è la scelta di modelli, forme e materiali. Ecco una guida per trovare quello perfetto per voi!

Scegliere l’ombrellone da giardino

Sistemare un ombrellone in giardino rappresenta una gradevole soluzione per potersi godere il sole e ripararsi dal vento.

Oggi in commercio esistono svariati e diversi modelli di ombrelloni, tutti altrettanto validi nei materiali e nelle forme. Per cui la scelta è soprattutto determinata dallo stile e dal gusto personali di chi effettua l’acquisto.

scegliere l'ombrellone da giardino

Come si sceglie l’ombrellone da giardino

Con l’arrivo della bella stagione, chi ha la fortuna di potersi godere il sole in giardino non rinuncia a trovare il giusto ristoro sotto un ombrellone durante le ore più calde della giornata.

I tipi di ombrelloni per giardino che è possibile trovare sul mercato sono davvero tantissimi.

Ci sono quelli che poggiano a terra su un unico piedistallo, quelli dotati di braccio mobile e quelli che è possibile inserire nei tavoli.

Anche per quanto riguarda le dimensioni e i materiali in cui vengono realizzati, gli ombrelloni oggi sono facili da spostare e richiudere anche se di grandi dimensioni.

Inoltre sono molto resistenti a

  • vento
  • sole
  • pioggia

e si trovano realizzati anche in alluminio o legno che, sebbene esigano una diversa manutenzione, conferiscono all’ambiente giardino un tocco di classe in più.

Legno o alluminio

Come detto, l’ombrellone oggi si trova anche in alluminio o legno.

L’alluminio è un materiale dal gusto più moderno e innovativo. E offre il vantaggio di essere leggero e resistente ai fattori climatici come vento e raggi solari, dato che non arrugginisce.

Inoltre è possibile trovare ombrelloni in alluminio a un costo inferiore rispetto a quelli in legno.

Il legno oltre a conferire al giardino un’aria più classica e tradizionale, si abbina facilmente a tavoli e sedie. Però è un tipo di materiale più adatto a ombrelloni che devono rimanere fissi e che quindi vanno lasciati in giardino per tutta la stagione.

Come scegliere il modello

Due sono principalmente i modelli più usati e diffusi di ombrelloni da giardino, e la differenza sta solo nelle dimensioni: piccole dimensioni e grandi.

I primi sono molto leggeri, si trasportano con facilità e presentano strutture metalliche in alluminio o ferro. Ma è sempre meglio richiuderli se non vengono usati per un po’, e riporli in posti asciutti.

Quelli di piccole dimensioni, sono ombrelloni dalla raggiera ridotta, ideali per proteggere i tavolini o creare  piccole zone d’ombra nel giardino.

Oltre a poterli inserire negli appositi buchi presenti nei tavoli da giardino, si possono anche ancorare al terreno e a basi e piedistalli che controbilancino il peso della struttura.

Gli ombrelloni di grandi dimensioni invece sono più pesanti e per questo di solito si lasciano fissi in giardino per tutta la bella stagione. Sono molto resistenti e durevoli a vento, pioggia e sole.

Si possono trovare sia con una struttura portante centrale e sia con una struttura con braccio inclinato. Tutto dipende dalla scelta del cliente e dall’area che si  vuole proteggere con l’ombrellone.

Il materiale più usato per la struttura di ombrelloni di grandi dimensioni è il legno.

Scegliere telo e tessuto dell’ombrellone

Ecco una piccola guida per scegliere i teli per l’ombrellone più adatti alle proprie esigenze e più conformi agli altri elementi del vostro arredo esterno.

scegliere gli ombrelloni da giardino

Saper scegliere il tipo di telo da posizionare sulla struttura dell’ombrellone è importante. I teli oggi si trovano realizzati in tessuto acrilico, poliestere e pvc, e possono essere di vari colori e idrorepellenti.

Devono essere inoltre anche resistenti a muffa e fuoco. Però, naturalmente, nel tempo sono comunque soggetti a una certa usura, per cui vanno sostituiti periodicamente.

In questi casi, quando si acquista un ombrellone è consigliabile sapere se è prevista la sostituzione del telo con altri della stessa marca. Altrimenti bisognerà rivolgersi a un tappezziere e farlo confezionare direttamente su misura.

Come fare la manutenzione dei teli

Dato che anche i teli per gli ombrelloni sono soggetti a usura, è bene sapere come conservarli e renderli durevoli nel tempo. Ovvero bisogna prestare attenzione a eseguire una corretta manutenzione.

Per pulire i teli bisogna rimuovere prima la polvere dal tessuto tramite aspirapolvere o per mezzo di un panno asciutto. Poi si può lavare il telo a una temperatura non superiore ai 40°.

Smacchiare con trielina o altro tipo di smacchiatore eventuali macchie di grasso presenti in superficie, senza usare prodotti che siano troppo aggressivi.

Una giusta accortezza è quella di non posizionare l’ombrellone al di sotto degli alberi perché potrebbero rilasciare sostanze appiccicose come la pece. Nel caso accada, bisognerà rimuoverla tempestivamente per evitare di rovinare il tessuto del telo.

Bisogna poi prestare attenzione alla formazione di depositi di acqua piovana, e non richiudere l’ombrellone quando il telo è bagnato ma aspettare che sia asciutto per evitare la formazione di muffe o macchie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.