Come risolvere il problema del deterioramento di superfici in ferro e legno

Per chi volesse recuperare delle vecchie superfici in ferro o in legno per donare loro una nuova vita, è possibile ricorrere a particolari tecniche di tinteggiatura e a prodotti specifici appositamente studiati per questa tipologia di operazione.

come risolvere il problema del deterioramento delle superfici in legno

La maggior parte dei componenti in ferro subiscono un rapido decadimento col passare del tempo a causa della continua esposizione all’aria aperta e agli agenti atmosferici. Cancelli, inferriate, decori e dettagli in ferro se non trattati nella giusta maniera si arrugginiscono facilmente.

Il processo di rimozione della ruggine segue uno schema ben preciso: con un dispositivo abrasivo si va a rimuovere l’antipatico strato ruvido e rossastro affinché la zona trattata diventi liscia e senza residui. Se lo sporco persiste, sarà utile una spazzola per il ferro e una pressione maggiore. Terminata questa fase, si passa alla tinteggiatura con tutti gli accorgimenti del caso per evitare che la ruggine si riformi in futuro.

In commercio esistono infinite varianti di smalti e pitture da usare come protezione, fondo e finitura. Da oggi, però, è disponibile uno smalto all’acqua della MaxMeyer davvero rivoluzionario, con una formula innovativa che permette di avere in un solo prodotto le potenzialità e la produttività di tre elementi, ovvero fondo, ruggine e finitura.

Grazie a questo smalto all’acqua della MaxMeyer 3 in 1 ad alte prestazioni è possibile realizzare operazioni di tinteggiatura in modo più rapido ed efficiente nella metà del tempo previsto, con una resa di circa 13mq per litro.

Infatti, essendo un prodotto già pronto all’uso, è sufficiente una sola passata sull’area da trattare, che può essere il ferro ma anche il legno e parti zincate, senza applicare nessuna mano di fondo. Una soluzione davvero molto utile, disponibile sia nella variante satinata sia in quella lucida e in dieci colori differenti, tra cui verde, verde bosco, grigio cemento, grigio fumo, marrone, rosso, nero, panna, zucchero e bianco.

Il responsabile Marketing Manager della MaxMeyer, Giovanna Mollis, ha dichiarato che si tratta di uno smalto davvero eccezionale, capace di produrre risultati sorprendenti con una tempistica davvero irrisoria rispetto alla concorrenza. Lo stesso responsabile ha affermato che il settore di ricerca e sviluppo della holding, che si occupa della creazione e della progettazione di nuove soluzioni all’avanguardia, non si è mai fermato ed è alla continua ricerca di vernici, pitture e smalti dall’alta efficienza e dalle ottime performance.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *