Quando la pressione è da considerarsi bassa?

La pressione bassa, nota in maniera più precisa come ipotensione, non è una patologia vera e propria. Generalmente si tende molto di più a preoccuparsi per l’ipertensione, pressione alta, temendo le conseguenze ch’essa può arrecare. Eppure chi soffre di pressione bassa sa quanto può essere debilitante, soprattutto con la stagione calda. Senso di stanchezza, giramenti di testa, apatia, svenimenti sono sintomi davvero fastidiosi. Questi disturbi rendono sensibilmente difficile il quotidiano, lasciando crescere un timore per la distanza da casa ed il senso d’affaticamento –quando si presenta in modo marcato- rende difficile qualsiasi operazione.

Quando la pressione è bassa

I soggetti dal fisico esile sono per loro costituzione sottoposti ad una pressione sanguigna inferiore, ma non sono certo i soli a soffrire di questo disturbo. Particolari condizioni di stress, malnutrizione, disidratazione, scompensi cardiaci o surrenali, possono essere patologie che si manifestano con questo sintomo. Il caldo è di per se condizione che fa abbassare al pressione sanguigna e se ciò è condizione favorevole per chi ce l’ha alta, è senz’altro un grosso problema per i soggetti che subiscono l’eventualità contraria.

Volendo quantificare, la pressione va ritenuta bassa quando è compresa tra valori inferiori a 100 di massima e 60 di minima.

L’organismo che risente della pressione bassa manifesta un marcato senso di spossatezza e sonnolenza. Può inoltre capitare che il passaggio dalla posizione sdraiata o seduta a quella eretta arrechi giramenti di testa e offuscamento della vista. Per questo motivo il passaggio da una posizione all’altra va effettuato in modo quanto più possibile graduale.

La pressione bassa è inoltre causa di particolari difficoltà d’azione, in particolar modo causa un calo della capacità di concentrazione. Studiare, leggere un libro, o semplicemente seguire un documentario o un film che richieda particolari attenzioni, può diventare una fatica più che un piacere.

Il caldo, abbassando la pressione, può causare oltre a tutto ciò l’insorgere di lievi o marcati mal di testa.

È dunque essenziale capire come combattere questo disturbo.

Ottima scelta può essere quella di rivolgersi al medico di famiglia, soprattutto se i disturbi sono piuttosto intensi. Non volendo ricorrere a medicinali, sono possibili soluzioni naturali e piccoli rimedi.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:

  • Purtroppo non ci sono articoli correlati




Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.