Quali colori in cucina?

La cucina è un ambiente molto importante in casa. E’ la stanza dove si preparano i cibi, dove spesso li si consuma anche, ed è, quindi, un luogo di convivialità oltre che di appetito e fantasia. Ed è proprio per stimolare questi ultimi e per dare a questo ambiente la giusta dose di energia, solarità, […]

La cucina è un ambiente molto importante in casa. E’ la stanza dove si preparano i cibi, dove spesso li si consuma anche, ed è, quindi, un luogo di convivialità oltre che di appetito e fantasia.

Ed è proprio per stimolare questi ultimi e per dare a questo ambiente la giusta dose di energia, solarità, senso di pulizia e solidità, che vanno scelti colori adatti e ben studiati.

Quali colori si possono scegliere in cucina

I colori adatti alla cucina sono i colori caldi, solari, che danno luce e risalto agli elementi, ma anche gioia e allegria alle persone che vi soggiornano.

Sono, quindi, indicati:

  • il giallo, che dà luce
  • l’arancio, che ricorda il sole
  • il rosso, che ricorda il fuoco
  • il marrone, che ricorda la terra e la natura e il legame del cibo con esse
  • il bianco, che aiuta a dare risalto ai cibi e a valutare la loro freschezza
  • il grigio, che dà sensazione di pulizia, ordine e modernità (ad esempio con l’acciaio).

Quali colori in cucina?

Quali sono i colori da evitare in cucina

In cucina andrebbero evitati colori freddi o troppo scuri, che tolgono luce, allegria e non invitano alla conversazione, oppure colori che possono agire sul nostro rapporto col cibo:

  • il nero, troppo scuro
  • il blu, troppo freddo
  • l’azzurro, tenue, ma freddo anch’esso
  • il lilla
  • il verde, che dà una sensazione di sazietà ancora prima di aver mangiato

Questi colori, però, se significativamente alternati ai colori elencati prima, possono comunque creare contrasti gradevoli e non troppo invasivi, in modo che il colpo d’occhio globale non ne riceva sensazioni negative.

Combinazioni di colore in cucina

Come per tutti gli ambienti di casa, anche in cucina vale la regola dell’alternanza dei colori: due colori in contrasto netto, come bianco e marrone, oppure uno stesso colore con sfumature diverse, o colori complementari, come rosso e arancione o arancione e giallo.

Si può scegliere di alternarli in modo simmetrico, su pareti e mobili; oppure di lasciare le pareti neutre e comprare mobili colorati, o l’opposto; oppure ancora si può dare risalto solo a una parte ben precisa della cucina, come l’unica parete libera oppure come i pensili, lasciando neutro tutto il resto.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:





Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.