Come combattere la cellulite?

Durante la stagione invernale è facile dimenticarsi degli inestetismi riguardanti il proprio corpo, grazie anche ad un vestiario abbastanza pesante che ben nasconde i rotolini di troppo. Il problema, però, si ripresenta quando l’estate è alle porte. In ogni caso, sarà opportuno osservare piccoli ma preziosi passaggi per affrontare al meglio il problema della cellulite o dei chili in eccesso.

cellulite effetto buccia d'arancia

Cellulite, la nemica di ogni donna

Quasi il 90% delle donne, a partire dalla pubertà, comincia ad avere cellulite in maggiore o minore misura, cosa che è invece raramente esistente negli uomini. Secondo alcuni studi questo problema può essere associato ai processi ormonali che la donna ha durante la sua vita e anche ad una cattiva circolazione del sangue.

La cellulite è conosciuta come un’accumulazione di tessuto adiposo in parti abbastanza concrete del corpo, formando piccoli gonfiori di tossine, grasso e acqua. Esistono differenti tipi di cellulite che dipendono dal grado di sviluppo e accumulazione di elementi. Per questo motivo, abbiamo la cellulite dura e la famosa “pelle a buccia d’arancia”, com’è detta comunemente nel mondo femminile.

La cellulite si presenta come grasso accumulato, produce piccoli monticelli di tessuto nel corpo, soprattutto, cosce, gambe, glutei ed addome. Quando si fa pressione nelle zone soggette, la cellulite viene fuori maggiormente, benché in casi più acuti, può essere una vera e propria lesione sulla pelle.

L’apparizione della cellulite avviene in differenti tappe, dalla brutta circolazione e la poca flessibilità della pelle, passando per il dolore della zona affettata e conseguente apparizione di varici, fino all’arrivo delle lesioni senza pressione nelle quali la “pelle a buccia d’ arancia” rimane fissa e non necessita pressione affinché appaia.

La sua prevenzione è complicata e il suo trattamento non è efficace fino in fondo. Non esiste pericolo per la salute, ma per ragioni estetiche l’annoso problema della cellulite, conferisce a questo fenomeno un’attenzione speciale.

Tra i numerosi difetti estetici che colpiscono l’universo femminile, la cellulite è infatti quello più fastidioso e irritante, e psicologicamente pesante. Purtroppo, si tratta di una problematica riscontrabile in quei soggetti leggermente in sovrappeso e per eliminarla ci sono due opzioni. La prima è quella di seguire un regime alimentare sano ed equilibrato, in abbinamento ad una adeguata attività fisica. La seconda, più sbrigativa ma abbastanza costosa, è quella di sottoporsi ad un intervento chirurgico.

Nonostante il secondo rimedio sembra quello più allettante e veloce, il primo è, probabilmente, quello più salutare e naturale. Stare attenti a tavola è la soluzione migliore.

Come principi base bere almeno un paio di litri di acqua al giorno, assumere la giusta quantità di fibre, evitare il consumo di grassi, caffeina e alcolici e moderare l’uso del sale. Questo non significa non mettere il condimento sulle verdure ma prestare la dovuta attenzione. Inoltre, meglio evitare i cibi industriali preconfezionati in quanto ricchi di cloruro di sodio che contribuisce alla formazione di edemi e cellulite. Approfondiamo ora l’aspetto alimentazione nella prevenzione della cellulite.

Come combattere la cellulite con l’alimentazione

Bere tanta acqua. Se normalmente si deve bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, noi ne berremo due, due e mezzo, perchè la prima arma per contrastare la ritenzione idrica è stimolare la diuresi. Meno liquidi si trattengono nel corpo e più si evita che il grasso si accumuli nei tessuti, dando vita alla cara buccia d’arancia.

Sia chiaro che l’acqua va bevuta anche e soprattutto lontano dai pasti, di certo non dobbiamo ingurgitare un litro di acqua tra il primo e il secondo. L’ideale sarebbe avere sempre la bottiglia a portata di mano e sforzarsi di bere, anche se non ne abbiamo voglia; prima o poi diventerà un’abitudine di cui sentire eventualmente la mancanza.

Per quanto riguarda l’acqua, vanno bene un pò tutti i tipi, perchè le sue proprietà diuretiche non cambiano, però di sicuro l’acqua povera di sodio è di maggior aiuto.

Il discorso del bere si applica poi anche ad altre bevande, non solo all’acqua.

E’ il caso del tè, un supporto irrinunciabile in termini di depurazione e diuresi, nella misura in cui contiene sostanze e principi attivi che fanno fare tanta ‘plin plin’. Inoltre, il tè presenta il vantaggio di essere gradevole a diverse temperature, per cui c’è chi loprende a colazione, rigorosamente caldo, e chi lo preferisce freddo e preferisce berne un bicchiere a metà mattina o nel pomeriggio, insomma quando ha sete o avverte la tentazione di smangiucchiare e ‘spizzicare’. Anche in questo caso, le varietà di tè son tutte valide, ma si consiglia comunque di introdurre il tè verde, che oltre a stimolare la diuresi svolge una utile azione antiossidante.

Per quanto riguarda il cibo, invece, non vorremmo cadere nella banalità ricordando che fritti e dolci non giovano alla causa: tutti ormai lo sappiamo, e sappiamo anche che la moderazione e la temperanza aiutano molto. Gelato alla frutta al posto del gelato alle creme, patatine fritte una volta al mese, bruschetta invece del supplì a cena…sono piccoli sforzi per contrastare la cellulite, fermo restando che se per una volta si mangia una fetta di torta al cioccolato non succede niente (se invece si inizia a mangiarla tutti i giorni, le cose cambiano).

Via libera invece alle insalate, di tutti i tipi, forme, fogge e misure, e in generale alle verdure. In estate del resto è più facile mangiare con leggerezza, e i nostri glutei ringrazieranno.

In linea di massima tenete sempre a mente che gli alimenti che possono aiutare a ridurre le tossine ed eliminare la ritenzione di liquidi sono alimenti con fibra, alimenti depurativi e diuretici, come i vegetali, la frutta e i cereali che inoltre, trattengono grandi quantità di fibra, minerali e vitamine, essenziali per il corretto funzionamento della circolazione del sangue.

Il pompelmo, la fragola, il kiwi, l’ananas o la carota, sono alcuni degli alimenti principali. Sono anche raccomandabili gli alimenti ricchi in ferro, come la carne e il pesce cucinati in maniera semplice: lessi, alla piastra e comunque con poco olio.

Da evitare

Esistono alcune sostanze che provocano l’alterazione e l’accumulo di tessuto adiposo nell’organismo come l’alcool, caffè o tabacco, principali cause, insieme alla sedentarietà, dell’apparizione di cellulite.

Rimedi alternativi contro la cellulite

Se il rimedio alimentare risulta abbastanza difficile da portare avanti, allora è possibile provare con altri rimedi ugualmente validi. Ad esempio, quello legato all’attività fisica. In questo caso, correre non sarebbe proprio l’ideale perché i microtraumi sull’asfalto possono amplificare la cellulite. Stesso discorso vale anche per il sellino di chi pratica lo spinning.

Meglio fare una camminata veloce o una sana nuotata ma senza esagerare, perché la comparsa dell’acido lattico post-allenamento non aiuta a contrastare la cellulite. Molto utili sono anche i massaggi drenanti e tutta quella serie di esercizi specifici per quelle zone colpite dalla cellulite.

Un’altro aiuto viene fornito dalla fitoterapia, in special modo dall’assunzione di centella asiatica, una specie di rimedio naturale utile non solo per curare la cellulite ma anche per combattere le flebopatie, emorroidi ed insufficienze venose. Riguardo questa pianta, il mercato propone anche delle creme ad-hoc da applicare direttamente dove l’inestetismo è più marcato.

Non si sono riscontrati effetti collaterali di grande rilevanza se non piccoli fastidi allo stomaco e nausea se il principio attivo della pianta viene assunto per via orale, mentre bruciori e lievi allergie se somministrata sotto forma di pomata.

Restando in tema medico, sono disponibili anche trattamenti non chirurgici, quindi non invasivi, come la ionoforesi e la mesoterapia, per i quali è sempre meglio chiedere un parere al proprio specialista di fiducia.

Vi sono poi tecniche di chirurgia estetica che permettono di compiere trattamenti efficaci, come la liposuzione,  la chirurgia o la mesoterapia. Neanche queste tecniche garantiscono al cento per cento un risultato effettivo e inoltre, e non garantiscono che anche con una vita sana e un’alimentazione equilibrata, la cellulite possa tornare. Questo presuppone quindi comunque un lavoro quotidiano di prevenzione.

Altri trattamenti, più economici e che, combinati con l’esercizio, possono farvi ottenere dei risultati, sono l’uso di creme e gel anticellulite. E’ bene considerare che l’uso unico di questi trattamenti non porterà alla soppressione definitiva della cellulite, ma ogni trattamento deve essere sempre combinato con l’esercizio fisico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.