Cos’è l’infiammazione del nervo ottico?

L’infiammazione al nervo ottico è una delle cause principali dei disturbi visivi. È un problema che non deve essere in alcun modo trascurato poiché può poi espandersi ad altre parti del visto, causando numerosi fastidi. Tra le più comuni infiammazioni del nervo ottico abbiamo la neurite ottica.

Cos'è l'infiammazione del nervo ottico?

L’infiammazione del nervo ottico provoca numerosi disturbi alla vista. È un infiammazione causata da diversi fattori, e per avere un quadro generale e completo è necessario compiere alcuni esami che vi permetteranno di capire il tipo di infiammazione e scegliere la cura corretta. Scopriamo insieme che cos’è l’infiammazione del nervo ottico e come si cura.

Cos’è il nervo ottico?

Il nervo ottico è una specie di cavo dove vi sono i prolungamenti di alcune cellule della retina, per la precisione le cellule ganglionari. Queste cellule sono quelle che racchiudono le informazioni e le portano alle parti celebrali della visione. Questo passaggio avviene in una serie di fasi intermedie per raggiungere l’elaborazione totale e per registrare il segnale.

L’unica parte che si può esplorare senza un metodo invasivo, è la testa del nervo ottico o anche la papilla ottica, cioè gli spazi che si trovano all’ingresso dell’interno dell’occhio. Parliamo in questo caso di esame del fundus oculi.

La neurite ottica

Questo tipo di infiammazione del nervo ottico tra le più diffuse e comuni. I disturbi principali sono significative difficoltà visive. L’individuo vede le cose in modo offuscato e non definito. Questo problema si può verificare sia in modo improvviso che graduale, e può anche colpire un solo occhio o entrambi. Il disturbo visivo può essere accompagno anche da dolore e ematoma, più evidenti se si è in movimento.

Altro sintomo tipico dell’infiammazione del nervo ottico è la percezione alterata dei colori e della luce, che nei casi trascurati o più gravi può portare a diventare quasi daltonici.

Inoltre il campo visivo si riduce e per questo motivo non si riesce a avere una visione completa.

Le cause dell’ infiammazione del nervo ottico

L’infiammazione del nervo ottico è un’infiammazione vera e propria e per tanto le sue cause possono essere diverse. Non si tratta mai di un infiammazione dovuta a un uso “intensivo” della vista.

  • Stress e stanchezza
    si tratta di una situazione temporanea che si risolve stando a riposo.
  • Consumo abituale di alcol o fumo
     si tratta di una neurite ottica alcol tabagica.
  • Disordini alimentari
    un’alimentazione non corretta o povera, può creare un malfunzionamento dell’occhio con conseguente infiammazione.
  • Uso continuo di farmaci
    i farmaci agiscono sulle fibre nervose e possono in alcuni casi infiammarle. Tra i medicinali che maggiormente possono causare infiammazione del nervo ottico abbiamo: gli antinfettivi, gli antiparassitari, gli antibiotici e gli antiaritmici.
  • Disfunzioni neurologiche
    l’infiammazione del nervo ottico può essere in alcuni casi legata alla sclerosi multipla. Questa malattia che causa problemi al sistema nervoso centrale può avere un collegamento con l’infiammazione del nervo ottico.

Gli esami da compiere

Ci sono differenti test da compiere per individuare e capire l’infiammazione del nervo ottico.

Il test di Farnsworth

È un test veloce e semplice che dura qualche minuto. Si basa sullo studio di un grafico che lo specialista analizza in seguito al test. Il test avviene chiedendo all’individuo di ordinare delle pastiglie colorate e contrassegnate da un numero.

Esame del campo visivo

L’esame del campo visivo è un esame molto semplice, e valuta qual è la porzione di spazio che viene percepita dall’individuo. Con questo esame verrà verificata la difficoltà di percepire le aree luminose e anche la posizione e l’estensione. Viene utilizzato un macchinario che proietta delle luci, che il paziente dovrà individuare, sulla base delle risposte ai diversi stimoli verranno evidenziati eventuali problemi visivi.

Cure per l’infiammazione del nervo ottico

Di solito l’infiammazione del nervo ottico viene curata attraverso una cura di farmaci a base di cortisone con azione antinfiammatoria. I farmaci vengono assunti sia per via endovenosa che per bocca, in principio la dose sarà alta e andrà poi ridotta con il tempo, finché non verrà sospesa. Ottima è l’assunzione di integratori e compresse contenenti vitamine del gruppo B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.