Cosa fare per allungare la batteria allo smartphone?

Un problema comune ai più comuni smartphone attualmente presenti sul mercato è la scarsa durata della batteria. Che sia Apple o Samsung, le indicazioni riportate sul libretto non sono sempre veritiere e non rispecchiano, di fatto, la realtà. Ad ogni modo c’è un rimedio per allungare la durata della batteria, attraverso utili accorgimenti e pratici consigli.

durata batteria iphone

Un problema comune ai più comuni smartphone attualmente presenti sul mercato è la scarsa durata della batteria. Che sia Apple o Samsung, le indicazioni riportate sul libretto non sono sempre veritiere e non rispecchiano, di fatto, la realtà. Ad ogni modo c’è un rimedio per allungare la durata della batteria, attraverso utili accorgimenti e pratici consigli.

Innanzitutto, bisogna disattivare la localizzazione alle varie App che permettono di geolocalizzare il dispositivo. Questa funzione è sviluppata con fini statistici dai programmatori, i quali cercano di capire gli usi e le abitudini dei consumatori e sviluppare in questo modo campagne pubblicitarie e tecnologie più mirate. Togliendo la spunta sulla “localizzazione”, permetteremo al nostro dispositivo di “lavorare” molto meno a vantaggio di una lunga durata della batteria. Sarà utile mantenere attiva solo la localizzazione per alcune Apps, come quelle dei social network (Facebook, Instagram, Whatsapp), Maps e programmi per localizzare il cellulare in caso di furto o smarrimento.

Un’altra sana abitudine è quella di spegnere lo smartphone durante le ore notturne, ossia quando non lo utilizziamo, evitando sprechi di batteria.

Se vi trovate in situazioni in cui non c’è campo oppure i servizi wireless non possono essere utilizzati, è opportuno disattivare il bluetooth, la connessione Internet, Wi-Fi e Gps. Bastano solamente 30 minuti di riposo per aumentare l’autonomia del cellulare. Disattivarli è davvero semplicissimo. Se avete un Iphone, partendo dal menù impostazioni, cliccate sul Internet 3G: Generali > Rete > disattiva “Abilita 3G” e “Dati cellulare”.

Un altro accorgimento utile da adottare è abbassare la luminosità dello schermo. Di solito, gli ampi display degli smartphone sono super luminosi, forse fin troppo per quello che serve realmente. Per ottenere un risparmio della batteria è necessario regolare la luminosità usando il buon senso e, quindi, impostandola su un 50% minimo. Per fare questa operazione, basta andare nelle Impostazioni e scorrere fino alla voce “Luminosità” dove comparirà una barra orizzontale con indicatori in % della luminosità. Disattivare anche la “luminosità automatica” ridurrà inutili variazioni di luce che contribuiscano a scaricare maggiormente la batteria del cellulare.

Navigare in rete comporta sprechi di batteria?

Purtroppo, anche la navigazione in rete presenta numerose complicazioni, come ad esempio pop-up di pubblicità non gradite che si aprono continuamente senza il nostro permesso. Anche questa sorta di “notifiche” sono state progettate appositamente dagli sviluppatori per capire i bisogni delle persone e, quindi, per creare pubblicità ad-hoc. Queste notifiche Push non solo comportano un’enorme dispendio di batteria ma possono ampliare il rischio di aprire pagine indesiderate con l’attivazione di servizi o abbonamenti mai richiesti. Disattivarle è la soluzione migliore: andate in Impostazioni > Notificazioni e togliete la spunta. L’importante è mantenere attive solo le notifiche riguardanti i messaggi, le e-mail e i social network.

L’aggiornamento del proprio smartphone è importante ma spesso nasconde dei pericoli. Sarebbe opportuno non aggiornare subito il proprio cellulare e informarsi prima sulla validità, i pro e i contro e gli eventuali bug di tale aggiornamento attraverso recensioni e forum on-line.

Appurate queste notizie, se l’aggiornamento risulta vantaggioso ed è privo di difetti ed anomalie che potrebbero danneggiare il proprio dispositivo, si può procedere con l’upload.

L’ultimo aspetto rilevante è mantenere integra la salute della batteria, caricarla correttamente quando è completamente scarica e non caricarla con interruzioni inopportune. Mettere il dispositivo sotto carica solo quando sul display comparirà l’apposita scritta “batteria scarica” utilizzando solo l’adattatore da parete originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *