Come usare il ginkgo biloba

Il gingko biloba è una pianta antichissima, comparsa in Cina milioni di anni fa e definita d Darwin ‘fossile vivente’, proprio per la sua ‘anzianità’. La cultura giapponese lo riconosce come albero sacro e difattii non è infrequente trovarlo vicino ai luoghi di culto…. si ritiene, tra l’altro, che siano le cure amorevoli dei monaci e la loro perizia nel piantarlo e curarlo ad avergli assicurato una vita tanto lunga. Ma a renderlo speciale non è solo lo status di albero più antico del mondo, o la capacità di vivere anche per 1000 anni, bensì anche le sue proprietà fitoterapiche.

Cosa contiene il ginkgo biloba

Le virtù del ginkgo risiedono nelle foglie dalle quali, tra le tante cose, deriva l’attributo biloba. Grazie alla particolare forma bilobata, che significa suddivisa in due lobi, le foglie del ginkgo sono ricche di flavonoidi, ossia sostanze attive nella lotta ai radicali liberi.

Sempre ai flavonoidi, poi, si riconosce la capacità di intervenire sui vasi sanguigni e, di conseguenza, sulla rete capillare. Questo rende il ginkgo adatto a contrastare anche altri disturbi legati ad esempio alla ritenzione idrica.

una foglia di ginkgo biloba

A cosa serve il ginkgo biloba

Da un albero secolare come il gingko biloba arriva aiuto contro l’invecchiamento cutaneo e organico, perché le proprietà di questa pianta vanno a contrastare quei radicali liberi che si formano a causa di stili di vita errati, come alimentazione squilibrata o inquinamento atmosferico e che attaccano il corpo sollecitandone il deterioramento cellulare.

Oltre alla buona salute delle cellule, il ginkgo stimola la regolarizzazione della circolazione venosa che si ripercuote sul fenomeno tanto diffuso della cellulite, dovuta appunto alla ritenzione idrica e ad un percorso circolatorio non ottimale.

Allo stesso modo della cellulite, anche i disturbi della circolazione periferica traggono giovamento dal ginkgo, così come le vene varicose, la memoria e la concentrazione che sono avvantaggiate da un flusso di sangue più dinamico a livello cerebrale. Si ritiene addirittura che il ginkgo sia produttivo un utilizzo preventivo per scongiurare malattie degenerative come l’Alzhaimer.

Come si usa il ginkgo biloba

Il ginkgo biloba si trova in commercio in forma di gocce, capsule, olio, compressa o crema. E’ indispensabile rivolgersi ad uno specialista per capire se esistano controindicazioni rispetto al proprio stato di salute o all’eventuale interazione con farmaci anche se, in linea di ,massima, si tratta di prodotti naturali equivalenti ai più diffusi integratori erboristici. Ad ogni modo, il ginkgo biloba non è assolutamente un prodotto per il fai da te dal momento che agisce sul flusso del sangue e può causare molti danni se assunto in modo sbagliato.

Il dosaggio  del ginkgo biloba, dunque, dipende dalla natura e della gravità del sintomo per il quale si sceglie di assumerlo. Sotto forma di compressa o capsula, infatti, va preso una volta al giorno ed è preferibile farlo la mattina prima di colazione perché a stomaco vuoto viene assorbito più rapidamente e la terapia non dura più di tre mesi. Dopo questo periodo, se è necessario, è possibile proseguire la cura ma è necessaria comunque una pausa di 15-20 giorni.

Sotto forma di estratto secco dalle foglie, invece, il dosaggio giornaliero oscilla tra un minimo di 100 mg ad un massimo di 200 mg e il ciclo di trattamento ha la periodicità di un mese seguito dalla sospensione per 2 o 3 settimane.

Dove si compra il ginkgo biloba

Il ginkgo biloba si compra in erboristeria, in farmacia o da ecommerce affidabili, come ad esempio Anastore, ma è fondamentale la prescrizione del medico sulle modalità di assunzione.

17 Commenti

  1. salvatore
  2. franco como
  3. Luigiapicella
  4. peppe
  5. Giovanni Lattanzi
  6. Chiara
  7. Giorgio
  8. Roberto
  9. giuseppina
  10. Giovanni
  11. Antonella
  12. Maria Stella MOSCA
  13. Maria Stella MOSCA
  14. Santo
  15. Angel
  16. desy
  17. Annamaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.