Come scegliere tra Tapis Roulant magnetico o motorizzato?

Nella guida “Come usare il Tapis Roulant” – reperibile su questo stesso sito – abbiamo analizzato le potenzialità base di questo attrezzo ginnico e le sue peculiarità. Tuttavia un acquisto oculato non può prescindere da una precisa conoscenza delle differenze tra modelli magnetici oppure dotati d’un motore.

Si tratta di due macchine da palestra apparentemente uguali, ma caratterizzate invece da ben precise specifiche tecniche e operative, oltre che, naturalmente, da diversi principi di funzionamento. Vediamo quindi quali sono e come scegliere tra i due modeli in base alle proprie specifiche esigenze.



Come scegliere tra Tapis Roulant magnetico o motorizzato?

Tapis Roulant magnetico

Il tappeto da corsa magnetico non è dotato di motore, per cui la rotazione del nastro è regolata direttamente dal passo dell’utente. Deve essere, infatti, l’utilizzatore dello strumento col proprio peso corporeo a “trascinare” il nastro che scorre in relazione all’andamento di chi vi lavora sopra. Quel che se ne ottiene è, nella maggior parte dei casi, una camminata a passo sostenuto che mette in tensione i muscoli delle gambe sino ai glutei. Per propria natura, il tapis roulant magnetico non è in grado di consentire al proprio utente una vera corsa. Ma ha, allo stesso tempo, peculiarità da non sottovalutare. Sono in molti a preferirlo ad un modello motorizzato, nasce dunque la necessità di specificare le motivazioni di tali preferenze.

Innanzitutto, il Tapis roulant magnetico non richiede alimentazione elettrica, ciò lo rende economicamente vantaggioso, giacché il suo utilizzo non graverà sulla bolletta di fornitura elettrica.

L’assenza di motore consente alla struttura d’essere più leggera e maneggevole, spesso richiudibile su se stessa. Si tratta di modelli che occupano poco o pochissimo spazio, riuscendo persino a finire nascosti dietro una porta o sotto il letto.

Al contrario dei tappeti dotati di motore, il tapis roulant magnetico può agevolmente essere spostato senza eccessivi sforzi, magari per pulirvi al disotto oppure per richiuderlo.

Va, però, tenuto presente che un cattivo utilizzo di questo sistema può arrecare dolori alla schiena. Se la forza esercitata con le gambe non è ben impostata, il carico finisce inevitabilmente sulla parte più bassa della schiena provocando posture errate e quindi dolori.

Superato questo problema, ponendo attenzione a rimanere eretti e composti quando ci si approccia al tapis roulant magnetico, bisogna notare che per capacità d’attivazione cardiovascolare non è un prodotto poi così inefficace rispetto al suo rivale a motore.

La pedana sulla quale si corre può essere personalizzata nell’inclinazione e, allo stesso modo, possono variare le impostazioni di sforzo in base alla regolazione delle resistenze.

Per tutto quanto finora detto, questo tipo di tappeto da corsa appare una scelta dalle modeste pretese con un discreto rapporto tra qualità e prezzo.

 

Tapis Roulant a motore

Il caso del Tapis roulant a motore è dedicato a coloro che pretendono il meglio e sono disposti ad investire maggiori somme di denaro pur di possedere un prodotto che valga.

La presenza del motore fa sì che la pedana sulla quale è fissato il nastro venga mossa artificialmente. L’utente che utilizza la pedana, può impostare agevolmente tramite un display la velocità di corsa. Si possono, infatti, scegliere modalità molto lente, non dissimili da una passeggiata, fino a velocità più sostenute di corsa vera e propria. È consigliabile cominciare sempre piano e procedere in crescendo in modo d’abituare gradatamente il fisico, scaricando meglio lo sforzo e non gravando eccessivamente sui muscoli quando ancora sono freddi.

È anche, in questo caso, possibile impostare l’inclinazione della pedana secondo le proprie preferenze. Più è ripida ed in salita la pedana e maggiore si rivela lo sforzo necessario per l’attività. Questa attività agisce direttamente su gambe polpacci e glutei contribuendo –con una buona dieta- a ridurre i tessuti adiposi. Va, inoltre, ricordato che mantenersi in movimento migliora la circolazione sanguigna e per questo –contrariamente a qualche luogo comune- può essere consigliabile anche agli anziani che necessitano di passeggiare.

L’uso è però sconsigliato a chi ha problemi alle articolazioni (ginocchia e caviglie) o alla schiena.

Il display riporta la velocità ed il tempo d’utilizzo (generalmente con tanto di timer che avvisa l’esaurimento del tempo da dedicare all’esercizio), la distanza percorsa e il consumo in Kilocalorie. Inoltre, vi è una chiave a strappo, da applicare in un’estremità alla maglia e nell’altra- quella magnetica- alla console. Tale chiave è una misura di sicurezza che blocca la macchina in caso di caduta. I modelli migliori sono dotati di cardiofrequenzimetro che mantiene costantemente sotto controllo le condizioni del fisico.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:

  • Purtroppo non ci sono articoli correlati




Questo articolo ha un commento

  • Roberta scrive:

    Salve,
    sarei interessato all’acquisto di un tapis roulant. Mi hanno palato bene della horizon e ho trovato dei buoni prezzi voi me la consigliate? Onestamente io la horizon non l’ho mai sentita e mi piacerebbe avere un consiglio da esperti del settore fitness. In attesa
    Grazie

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.