Come pulire il parquet

Il parquet è un tipo di pavimentazione che si forma dall’assemblaggio di singoli pezzi di legno. All’assemblaggio segue la posa per fissare definitivamente il legno. Le tipologie di parquet differiscono tra loro in base ad una serie di elementi: il tipo di posa, le dimensioni dei listelli di legno, il tipo di legname utilizzato e […]

Il parquet è un tipo di pavimentazione che si forma dall’assemblaggio di singoli pezzi di legno. All’assemblaggio segue la posa per fissare definitivamente il legno. Le tipologie di parquet differiscono tra loro in base ad una serie di elementi: il tipo di posa, le dimensioni dei listelli di legno, il tipo di legname utilizzato e la sua qualità. In commercio si trovano pavimenti con legno monostrato  e quelli multistrato, che hanno uno spessore di circa 3-5 mm. Se lo spessore del legno è inferiore ai 2,5 mm non si può parlare di parquet!

come pulire il parquet

I legni nobili nel parquet

In genere, i legni nobili del parquet sono pre-finiti in laboratorio e, in un secondo momento, vengono rifiniti con alcuni particolari tecniche. Quelli più utilizzati sono il faggio, il teak, il wengè, l’ iroko, il noce, il rovere, il doussiè e il merbau. Tutti i legnami sono colorati e trattati in varie maniere con una passata finale di vernice o di olio. La rifinitura ad olio, in particolare, conferisce al pavimento un effetto più naturale ma, allo stesso tempo, esige una cura costante. La finitura con la vernice, invece, attribuisce al pavimento un effetto cera che lo rende più facile da trattare quotidianamente. In commercio ci sono anche le vernici semilucide che conferiscono al parquet un aspetto satinato. Esiste, poi, anche un tipo di pavimento in materiale sintetico che si chiama laminato e sembra legno vero a tutti gli effetti. Il costo, inoltre, è notevolmente inferiore rispetto al parquet originale e si trova facilmente nei negozi per il bricolage e il fai da te.

Le caratteristiche del parquet

Generalmente, l’esposizione del parquet all’aria e alla luce può provocare un cambiamento nel colore del legno, che tende a scurirsi. Questo è dovuto all’ossidazione, un particolare fenomeno che varia di intensità a seconda del tipo di legname e della quantità di luce a cui si espone il pavimento. Tale processo, anche se lento, può durare alcuni anni. Il parquet, inoltre, è molto sensibile agli sbalzi di temperatura e all’umidità. Se quest’ultima è eccessiva, infatti, le tavolette di legno si allargano e, spingendo, possono arrivare a sollevarsi provocando dei danni.

La pulizia del parquet

per pulire il parquet è possibile procedere con un metodo casalingo che, anche secondo gli esperti, è molto efficace. Per prima cosa, di passa sul pavimento uno straccio o un Mocio Vileda con un po’ di acqua e una goccia di acqua ragia o di alcol. Prima di questo,tuttavia, è importante passare sul parquet il panno cattura polvere marcato Swiffer. Inoltre, è assolutamente vietato l’uso di acqua con sapone dal momento che il pavimento potrebbe seriamente rovinarsi. Se il parquet appare troppo rovinato, allora conviene farlo riverniciare da personale specializzato che userà specifici trattamenti per farlo tornare come nuovo. Almeno una volta all’anno è importante prendete l’abitudine di applicare al parquet una cera apposita poi la lucidatrice.

Prodotti specifici per il parquet

Di seguito, elenchiamo qualche marca di prodotti specifici per il parquet, da applicare con stracci morbidi, preferibilmente in microfibra che non lasciano pelucchi e non formano aloni. Il “Pronto Legno parquet” è uno dei migliori ma va applicato secondo le dosi consigliate una volta alla settimana. Poi vi consigliamo anche “Polish 04” della marca “Bigler”. Ne basta sciogliere una piccola dose nell’acqua per ottenere grossi risultati.

Approfondisci la pulizia del parquet con la nostra guida specialistica



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:





Questo articolo ha 5 commenti

  • Vittorio Del Duce scrive:

    Le informazioni generali potrebbero essere più precisamente dettagliate a seconda che si tratti di parquet trattati a cera o pre-finiti verniciati o di altre eventuali tecnologie.
    Sarebbero anche utili indicazioni sulla pericolosità di liquidi domestici (acqua, olio, vino, candeggina ecc.) che permangano in tipologia goccia eventualmenete estesa.
    Ringraziamenti e saluti
    Vittorio Del Duce

  • daniela guidi scrive:

    Condivido con Vittorio Del Duce. Molto utili sarebbero indicazioni su come trattare evetuali macchie su parquet trattati a cera o verniciati

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Grazie per il suggerimento

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Per Daniela e Vittorio: ecco qualche consiglio per rimuovere le macchie dal parquet, anche quello cerato. http://risposte.guidaconsumatore.com/come-eliminare-le-macchie-dal-parquet#more-5588

  • paola scrive:

    Buon giorno, cercando di igienizzare le tende bianche ho spruzzato sulle tende stesse un intruglio fatto da me con acqua , aceto e bicarbonato( e nient’altro). Gocciolando dalle tende , il liquido ha macchiato il parquet lasciando delle macchie circolari color marrone. Come faccio a rimuoverle senza danneggiare ulteriormente il parquet? Grazie per la disponibilità

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.