Come eliminare il gonfiore addominale?

Succede a molte persone, anche se sono in regola con il peso forma e piuttosto magre e longilinee, di avere spesso la pancia gonfia. Le cause di questo problema molto comune sono diverse, e non derivano solo da un accumulo di grassi. Anche l’ansia e lo stress possono provocare tensione e gonfiore addominale, che si aggrava ulteriormente con le cattive abitudini alimentari e uno stile di vita poco corretto. Chi ne soffre non si chiede altro che come eliminare il gonfiore addominale? Ebbene, con qualche accorgimento è possibile eliminare questo fastidioso inestetismo, che impedisce soprattutto alle donne di sentirsi a proprio agio.



Il disturbo del gonfiore addominale può essere risolto, o almeno attenuato, seguendo qualche regola salutare sia nelle abitudini alimentari, che nello stile di vita in generale. Per prevenirlo è buona regola mangiare stando seduti, con calma, e masticare più volte il cibo, gustandolo lentamente. Se è possibile, bisogna evitare (o limitare il più possibile) i pasti consumati frettolosamente sul posto di lavoro o al bar.

Come eliminare il gonfiore addominale con le sane abitudini

Se vi chiedete come eliminare il gonfiore addominale con alcune regole di vita, la risposta è certamente quella di evitare

  • fumo
  • alcolici
  • sedentarietà

Anche stare troppo tempo in piedi non è salutare.

Consumate cibi facilmente digeribili, come il riso e la pasta, e non condite con sughi troppo grassi ed elaborati. Per evitare il gonfiore addominale causato dalla ritenzione idrica, è consigliabile consumare molta verdura (preferibilmente cotta, che è più digeribile) e frutta fresca di stagione.

La ritenzione idrica si presenta, soprattutto, quando ci sono squilibri ormonali nell’organismo, e alle donne succede nel periodo precedente le mestruazioni, quando ammettono di sentirsi più gonfie del solito. Anche l’eccesso di sodio può essere causa di ritenzione idrica. A questo proposito, è utile intraprendere una dieta a base di potassio, e l’uso di sale iposodico.

Per evitare il gonfiore alla pancia è, inoltre, consigliabile bere una tisana d’ortica una volta al giorno, insieme ad acqua minerale che sia povera di sodio, ma con elevata percentuale di magnesio e potassio, minerali importantissimi per il benessere (soprattutto delle donne). Anche la tisana al finocchio, assunta regolarmente, è efficace per eliminare il gonfiore addominale e sentirsi più leggeri e in forma.

Come eliminare il gonfiore addominale con l’attività fisica

Chi si chiede come eliminare il gonfiore addominale dovrebbe riflettere sul suo rapporto con l’esercizio fisico. Un grande consiglio anti gonfiore è infatti la pratica di ginnastica che potenzi gli addominali, in modo che rimangano sempre tonici. Esistono esercizi specifici per rinforzare la fascia muscolare degli addominali, fatevi consigliare da un esperto, o frequentate una palestra almeno due volte alla settimana.

Durante tali esercizi è fondamentale respirare in maniera lenta e corretta. Respirare in modo adeguato e corretto favorisce una maggiore efficacia dell’allenamento. Per eliminare la pancetta vanno benissimo tutte le attività di tipo aerobico, quindi, la corsa, lo spinning e il nuoto.

Come eliminare il gonfiore addominale

Come eliminare il gonfiore addominale se si ha la sindrome del colon irritabile

Naturalmente quando ci poniamo la domanda su come eliminare il gonfiore addominale dobbiamo anche capire se si tratta di un fenomeno temporaneo dovuto a cattive abitudini alimentari o stili di vita, oppure se questo fastidio è da imputare al fatto che si soffre si un problema innocuo ma assai diffuso. Se la pancia è spesso gonfia ma anche dolorante allora potrebbe trattarsi infatti di “sindrome del colon irritabile”, una patologia assai diffusa, che colpisce sia donne che uomini. La causa può essere sia di origine alimentare, che psicosomatica.

Quindi, bisogna intervenire sugli alimenti, evitando soprattutto latte e latticini, e puntando su alimenti quali il riso e le uova. Se si avverte dolore e fastidio, è meglio limitare verdure e frutta fresca, che possono essere dannose. Anche lo stress va tenuto a bada. Ci sono persone che somatizzano il proprio malessere nella zona dello stomaco, e questo accumulo di tensione provoca fastidi e irritazione al colon, e nei casi più gravi, può portare alla formazione di ulcere.

Se proprio non riuscite ad evitare le situazioni stressanti, dedicate almeno un’ora al giorno alla cura di voi stessi, praticando, per esempio, yoga e tecniche di rilassamento per il corpo e per la mente. Ricordatevi, inoltre, di bere molta acqua, circa due litri al giorno (soprattutto durante i mesi più caldi). L’acqua è un toccasana perché depura l’organismo. Scegliete un tipo di acqua particolarmente leggero e poco calcarea. Per eliminare il gonfiore potete infine provare ad assumere capsule di carbone vegetale.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:





Questo articolo ha 141 commenti

  • Carmen scrive:

    soffro spesso di gonfiore addominale con effetti lassativi, quando mi capita prendo delle bustine a base di bicarbonato che aiutano la digestione. Questo problema mi impedisce di mangiare di+( dovrei prendere almeno 4 kg).

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Cara Carmen, l’alimentazione scorretta è la prima causa di gonfiore addominale, ma può esserlo anche lo stress. Deve cercare un equilibrio tra la salute fisica e quella psicologica. Spesso, infatti, questi disturbi possono essere psico-somatici. Cordiali saluti

  • roberta scrive:

    io ho spesso gonfiore addominale cerco di aiutarmi con delle tisane e pasticche al carbone

  • Cristiana scrive:

    Bene… è anche importante individuare i periodi in cui il gonfiore si accentua, per esempio durante l’ovulazione o prima dell’arrivo del ciclo mestruale. In questi periodi è assolutamente normale il gonfiore addominale e una maggiore ritenzione idrica

  • jessica scrive:

    qualsiasi cosa mangio e beva mi gonfia la pancia,non so proprio come fare per eliminare questo gonfiore ed avere una pancia snella!!!!

  • digorga corinne scrive:

    ciao a tutte per il gonfiore basta fare come ho fatto io provate con un analisi del sangue eseguito da un dietologo per capire qualli sono gli alimenti di cui siete allergiche funziona. un saluto corinne

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Credo anche io che sia utile un test per individuare eventuali intolleranze alimentari. Ciao

  • katy scrive:

    Mi sento infiammata alle ovaie e mi si gonfia la pancia tantissimo in piu mi fanno male i rapporti sessuali .ho smesso la pillola dopo tanti anni da neanche un mese .Che fare?GRAZIE

  • Redazione scrive:

    PEr Katy. In questo caso non si tratta di gonfiore addominale, come intendiamo noi in questo articolo, ma di altra problematica. Le suggeriamo di consultare il suo ginecologo.

  • luigi brigida scrive:

    sono alto 1,80 robusto ma o un grande problema o di circonferenza addominale 100 ne dovrei avere molto di meno rispetto al mio fisiso o fatto anche un eco addome o molto gas e la coliciste un po infiamata da premettere che non bevo alcolici ne vino e ne bevande gassate come potrei fare per togliere questo gonfiore vi ringrazzio

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Caro Luigi, credo che debba consultare un nutrizionista che Le dia dei consigli su come mangiare nel migliore dei modi, e quali abitudini alimentari assumere per evitare il gonfiore addominale e le sue fastidiose conseguenze. A volte una vita troppo stressante o, al contraio, eccessivamente sedentaria comportano problemi di ritenzione idrica. Osservi quindi il suo stile di vita e cerchi di cambiarlo in meglio. Tanti saluti

  • paola scrive:

    io vorrei sapere cosa devo fare per capire di che cosa si tratta questo terribile gonfiore, sembro sempre in gravidanza. Aria, troppa verdua, intolleranza, gastrite, stress? Quale specialista, quali esami mi possono aiutare?
    Grazie

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Cara Paola, il gonfiore addominale può avere diverse cause, spesso dipende da intolleranze alimentari. A me succede, per esempio, di sentirmi gonfia quando mangio il formaggio stagionato. Ho scoperto appunto che sono intollerante a questo tipo di alimento. Bisognerebbe mettersi in “ascolto” del corpo: il più delle volte lui sa cosa dirci.

  • max scrive:

    L’uniche intolleranze che si possono provare sono solo quella al lattosio e quella al glutine (celiachia), io ho scoperto di essere celiaco ma anceh facendo la dieta escludendo il glutine, ancora non ho risolto completamente; questo pare essere dovuto al fatto che l’intestino ha bisogno di tempo per adattarsi alla nuova situazione, che può arrivare fino a 2 anni dall’inizio della dieta, proprio per ripristinare l’equilibrio della flora batterica e quindi “bonificare ” i danni del glutine nell”organismo.

    A mio parere da quanto ho scoperto sulla celiachia, almeno il 90% delle persone dovrebbe farsi il test del sangue per la celiachia, sia con disturbi o meno, dato che vi è una forma silente che non dà sintomi, ma provoca danni portando ad una scoperta tardiva magari per la presenza di un linfoma intestinale.

    Ciao.

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Ottimo consiglio

  • Vale scrive:

    ciao ho 27 anni ho un fisico abbastanza snello,ho un gonfiore all’addome che tante persone mi chiedono se sono in attesa di un bimbo!!seguo un’alimentazione corretta,nn bevo alcolici ne bevande gassate,appena sveglia la mattina già sono gonfia come un pallone.La prima cosa che ho fatto sono stata da un ginecologo e mi ha tranquillizzata dicendo che è tutto ok.
    Adesso mi hanno consiglito una visita gastroenterologica,speriamo riesca a risolvere il problema perchè mi sento veramente a disagio…Grazie a tutti..

  • valez scrive:

    ciao sono un ragazzo di 22 anni..quando ero piccolo soffrivo di colite e feci anche dei test approfonditi per le intolleranze alimentari..per circa 6 mesi non potevo mangiare piu nulla, tranne riso e tonno..cmq poi piano piano riaggiungendo ogni alimento, non ebbi piu nessun problema di questo genere..da Maggio invece soffro di un gonfiore addominale continuo..in genere mi muovo molto, sono un ballerino, e faccio palestra occasionalmente. sicuramente in questo periodo ho avuto una serie di situazioni soprattutto lavorative che mi hanno provocato molto stress e ad una alimentazione disordinata e veloce..eppure mi è successo anche altre volte senza mai ridurmi a questo tipo di gonfiore, come è possibile che ora mi senta un pallone? seguendo questi consigli il problema diminuirà? devo mangiare con piu calma? respirare meglio aiuta anche in questo? grazie Valerio

  • davide scrive:

    salve…sono un ragazzo di 27 anni alto 180 circa…..da un bel pò di tempo ho visto lievitare la mia pancia…mi sento gonfio come una palla,e faccio fatica a respirare.volevo chiedere se è normale accusare questo disturbo di respirazione con una pancia così gonfia?premetto che ultimamente sono abbastanza stressato….

  • Redazione scrive:

    Per Davide. Si, assolutamente si. Purtroppo ne soffro io stesso! Le suggerisco carbone vegetale o simili per ridurre l’aria. Oltre a un periodo di relax o di abbassamento del livello di attività per ridurre la tensione nervosa, ovviamente se possibile.

  • Enzo scrive:

    Ciao Cristiana, molto interessante il tuo articolo.

    Io però ho un problema: ho gonfiori e meteorismo quando sono con la mia ragazza, il che mi crea molti problemi nei rapporti sessuali.

    Come devo fare? E da cosa dipende?

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Caro Enzo, se il problema si presenta soltanto quando ti trovi nell’intimità con la tua ragazza, molto probabilamente è la conseguenza di ansia ed emotività repressa. La maggior parte dei malesseri ha natura psico-somatica, dobbiamo soltanto stare più attenti ai “segnali” che il nostro corpo lancia.

  • Rosaria scrive:

    Orribile il gonfiore intestinale :-( !! Io ne ho sempre sofferto, anche perchè soffro di gastrite e colon infiammabile. Nell’adolescenza a causa di un’alimentazione sbagliatissima mi capitava sempre, adesso mangio meglio e mi viene più raramente. Però ritorna cmq :-( infatti è una settimana che mi sento un pallone! Non sono ho l’addome gonfio ma lo sento che si contorce e fa rumore in più ho senso di nausea e bruciore alla bocca dello stomaco. Presumo sia tornata la gastrite. Forse perchè ultimamente ho mangiato molta cipolla mentre prima non ne toccavo proprio?? Non so, dovrei farmi una gastroscopia forse, ma ho sempre avuto paura :-(

  • ernesto scrive:

    soffro da tempo di forti gonfiori di pancia,non faccio altro che eruttare e a volte mi viene senso di svenimento che dura pochi secondi e’ normale?
    grazie

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve Ernesto. Dai sintomi che Lei descrive, potrebbe trattarsi di un disturbo derivante da reflusso gastro-esofageo. Il senso di svenimento, però, mi sembra più il riflesso di uno stato ansioso. Ci riscriva ancora.

  • ernesto scrive:

    il problema ,mi scusi non e’ un vero e proprio svenimento ma la senzazione di instabilita’ ,che tutto mi gira intorno ,il tutto mi capita sempre e solo quando ho una grande pancia gonfia ,e solo quando mi abbasso, adesso che non mangio piu pasta e pane e la pancia non si gonfia non accuso almeno per adesso piu questi fenomeni
    mangiavo tantissimo pane integrale e verdure

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Caro Ernesto, spesso questi sintomi possono essere legati all’intolleranza nei riguardi di alcuni cibi in particolare: come Lei stesso mi riferisce, non mangiando più pane e pasta questi disturbi si sono affievoliti. Sono contenta che si sente meglio!

  • Alonzo Anna Maria scrive:

    Sono una signora di 55 anni molto giovanile e pratico fitness, tutti i giorni. Soffro da anni di gastrite, colite e d’aria alaa pancia. Ora ho scoperto lo yoga; pensate che mi possa aiutare a risolvere il problema dell’aria che per me è dovuto a tanto stress. Grazie.

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve. Lo yoga è una disciplina che agisce sul rilassamento muscolare, quindi allevia le tensioni (che nel Suo caso tendono ad accumularsi nelle parti basse). Chieda al Suo istruttore quali sono le asana più adatte per i problemi che mi ha descritto, compresa la fastidiosa “aria nella pancia”. Ci riscriva ancora.

  • Federico C scrive:

    Salve la mia situazione è la seguente, non so bene se sia intollerante a qualcosa di particolere, anche perchè non ho fatto nessun esame e non saprei nemmeno come e dove farlo, comunque mi capita spesso(e da molto tempo)di correre in bagno, probabilmente sarà anche un fatto nervoso, però escludo che sia solo quello,inoltre da qualche tempo mi sento tantissima aria nella pancia con frautolenza e rumori di pancia a volte molto imbarazzanti, prendo il corbone ma non seguo nessuna dieta specifica (sono un mangione anche se cerco di limitarmi) non so sicuramente qualcosa che mangio mi fa male o mi gonfia, potete darmi qualche consiglio grazie, solo una precisazione io ho 26 anni, saluti
    Federico

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Ciao, Federico. Forse hai qualche problema di sensibilità intestinale o al colon (c’è una patologia precisa: il colon irritabile). Dovresti fare una visita per accertare da cosa dipendono questi disturbi non gravi, certo, ma che vanno comunque risolti per stare meglio.

  • mariangela scrive:

    ciao a tutti…anch’io soffro di gonfiore…in alcuni periodi è talmente accentuato da sembrare quasi in gravidanza. ho cercato di migliorare la mia alimentazione e di bere di più, ma secondo voi possono essere utili anche degli integratori accompagnati, oltre che da una buona alimentazione, anche da attività fisica?

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Ciao, Mariangela. Gli integratori possono aiutare, soprattutto se il gonfiore deriva da problemi legati ad una cattiva digestione… vanno benissimo quelli che servono a ripristinare la flora batterica. L’attività fisica è sempre consigliabile, almeno due volte a settimana.

  • tiziana scrive:

    spero che con tutto questo chiarimento che mi avete dato mi fornisce il trattamento .grazie

  • Claudio scrive:

    Salve.Sono un ragazzo di 21 anni.Mi hanno diagnosticato un presunto coloni irritabile a seguito di effetti indesiderati di antinfiammatori.Accuso sempre questa specie di fastidio all’ addome, a volte gonfiore. Si può eliminare del tutto questa sintomatologia? Perchè leggendo su internet vari commenti un po mi scoraggiano.Non sono stressato, ne mai sofferto di attacchi di panico e sempre condotto una vita sana anche dal punto di vista alimentare e sportiva!!

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Caro Claudio, gli antinfiammatori provocano, se assunti per lunghi periodi, effetti indesiderati a livello gastrointestinale. Per questo, nonostante la tua giovane età, ti ritrovi a dover convivere con la fastidiosa sindrome del colon irritabile. Il mio consiglio è di curare di più l’alimentazione, evitando il più possibile cibi troppo grassi o alcolici.

  • elisa giulia scrive:

    Buongiorno, soffro anch’io di gonfiori addominali e volevo sapere se possono essere più frequenti d’inverno….

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve Elisa. In genere in inverno si tende a mangiare cibi più elaborati e conditi, quindi si rischia di avere il gonfiore addominale con maggiore frequenza. Se la zona dello stomaco è dolorante, potrebbe trattarsi anche di raffreddamento della zona dei reni, quindi dovrebbe coprire questa parte del corpo durante i freddi mesi invernali.

  • Cristina scrive:

    Salve sono una ragazza di 21 anni, sono un paio di settimane che accuso un gonfiore di stomaco come se fossi incinta, ovviamente non lo sono.. ed ho anche dei dolorini.. ho sempre sofferto di colon irritabile e sono anche una persona abbastanza ansiosa, però di solito a parte qualche giorno di normale gonfiore non ho mai avuto un problema così persistente. Anche con un bicchiere d’acqua mi sento scoppiare, secondo lei cosa può essere? da sottolineare che non bevo e non fumo, una alimentazione scorretta sicuramente..

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Ciao, Cristina. Controlla l’alimentazione e prova ad eliminare formaggi stagionati ed insaccati. Evita anche alcolici e bibite gassate. Da preferire l’acqua naturale a quella effervescente. E poi fai un pò di moto, anche semplicemente lunghe passeggiate a passo veloce.

  • Catia scrive:

    Salve,sono una ragazza di 20 anni e soffro già da molti anni di borgoritmi allo stomaco che nell’ultimo periodo sono amplificati a dismisura!
    Un medico tempo fa mi diagnosticò la sindrome del colon irritabile.
    Dato che questi rumori sono la mia ossessione quotidiana chiedo gentilmente qualche rimedio,consiglio…
    Ho sentito parlare di tisane al finocchio,carbone vegetale o test di intolleranza alimentare!sono dei veri rimedi?
    confido in una risposta e ringrazio anticipatamente per l’attenzione

  • Chiara scrive:

    Buongiorno, sono una ragazza di 23 anni e da almeno un paio di anni soffro di gonfiore addominale e ultimamente è diventato piu persistente.
    Il medico di famiglia mi ha detto che ho solo molta aria, consigliandomi di togliere frutta dalla mia dieta.
    Il gastroenterologo mi ha detto che non ha visto niente di anormale,pero a breve faro una radiografia di controllo. è il caso?
    cosa posso fare per diminuire questo gonfiore che mi crea molto disagio, quasi non riesco ad abbottonarmi i pantaloni.
    aggiungo che sono snella di costituzione,non bevo alcoolici, non fumo, faccio aerobica almeno 3 volte a settimane e tutti i giorni 1 ora di bici.
    grazie infinite

  • Cristiana Lenoci scrive:

    La sindrome del colon irritabile è un disturbo assai comune, e spesso è di natura psicosomatica. Quando si associa anche il “borbottio” nello stomaco può trattarsi di un eccesso di aria: il carbone vegetale, da assumere in compresse, è molto utile in questo caso. Le consiglio, inoltre, di ritagliarsi momenti di serenità, poichè lo stress e le abitudini di vita frenetiche possono giocare brutti scherzi al nostro fisico.

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentile Chiara, come ho più volte sottolineato, i disturbi possono essere di natura psico-somatica, ed acuizzarsi durante i periodi più stressanti della vita. Provi con dei massaggi rilassanti e con delle tisane al finocchio per drenare i liquidi in eccesso. Cordiali saluti

  • Ivana scrive:

    Salve Cristiana, ho trovato il suo articolo molto interessate. Vorrei chiederle un parere sulla mia situazione, ho 29 anni e da diversi anni soffro della sindrome del colon irritabile, almeno così mi ha detto il medico di famiglia, non ho mai fatto esami specifici. Da qualche anno a questa parte si è aggiunto un problema, ho riscontrato che ogni volta che mangio della pasta o qualcosa con molta mollica (quindi pane o una pizza molto spessa) il giorno successivo sento esplodere la pancia a causa dell’aria, la pancia diventa gonfia, molto dura e in tensione provocandomi anche dei fastidiosi doloretti. Questo fastidio si era attenuato molto in gravidanza, tornando nuovamente pochi mesi dopo il parto (ora 7 mesi). Secondo lei che tipo di analisi o visite specialistiche dovrei fare per capire il problema? (non fumo, non bevo alcolici, per evitare il problema non bevo bevande gassate, non mangio formaggi stagionati e per quello che riguarda l’ansia ho imparato a mantenerla sotto controllo perche altrimenti so le conseguenze per il mio stomaco) grazie anticipatamente.

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Carissima Ivana, il suo gonfiore addominale potrebbe essere provocato da un’intolleranza alimentare. Per scoprire a quale tipo di alimento, si devono fare test specifici. Cordiali saluti

  • Ivana scrive:

    Cara Cristiana, volevo farle i miei più sentiti complimenti per la sua professionalità, i primi commenti al suo articolo iniziano dal 07/11/2009 e dopo tanto tempo risponde ancora con molta celerità ai problemi delle persone che le scrivono. Grazie per la sua risposta e complimenti ancora.

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Grazie a Lei per i complimenti! E continui a seguire il nostro sito! Cordiali saluti

  • carlo scrive:

    salve sono un uomo di 49 anni e ho una ernia jatale, le provate tutte ma ho sempre
    un maledetto gonfiore addominale, il problema è che c’è l’ho soprattutto a digiuno
    verso sera, passo da una taglia 48 ad una 52 in pochi secondi e non sempre riesco a svuotarmi del tutto, mi rende la vita impossibile, insomma esiste un efficace rimedio farmacologico veramente interessante? cordialmente ringrazio

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gent.mo Carlo, purtroppo non posso consigliare alcun farmaco perchè non sono un medico. I miei suggerimenti si riferiscono sempre alla medicina naturale, comunque efficace anche se i risultati sono più lenti. Non è possibile fare diagnosi senza avere altri elementi, quali per esempio se lei è un uomo attivo o sedentario, se beve abbastanza acqua, ecc. Essendo arrivata la primavera, Le consiglio di bere almeno due alitri di acqua al giorno per eliminare le tossine presenti nel corpo ed ottenere un effetto di “sgonfiamento”. Cordiali saluti

  • katia scrive:

    Ciao … ho 30 anni,sn alta 160 cm e peso 58 kg. Il mio maggior problema è il gonfiore dello stomaco … premetto ke per motivi personali nn ho mai superato i 44 kg ma dopo aver risolto il tutto ho preso un peso normale.A Novembre 2009 pesavo 38 kg e in un anno (circa) ho preso 20 kg … Ora sto meglio ma sembro incinta di 5 mesi … Cm posso fare ???? AIUTAMI !!!!!!!

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve, Katia. E’ vero, spesso anche le persone magre come te hanno il problema del gonfiore addominale. Visto che siamo in primavera, Le consiglio di approntare una cura depurativa per eliminare le tossine accumulate durante l’inverno. Carbone vegetale (in capsule) e una tisana depurativa la giorno la aiuteranno sicuramente.

  • Giovanni scrive:

    Salve sono un ragazzo di 20 anni e soffro di gonfiore addominale.
    Vi racconto: per circ 1 settimana ho mangiato kebab di fila.
    Solo per pranzo/sera e patatine fritte.
    Dopo essermi accorto che ho questo gonfiore ho smesso e qui che iniziano i problemi.
    Il mio gonfiore è situato nelle vicinanze dello sterno.
    Qualunque cosa che mangi e beva mi fa sentire ancora + gonfio e in alcuni casi dolorante.
    Non sò cosa fare.
    Io ad esempio mangiavo un bel pò ma… dopo successo questo fattore non riesco più.
    E vorrei guarire.
    Non riesco neppure ad esplellere bene le feci opèure ad esempio fare sforzi che subito inizia a dolorare.
    Non è rilassato.
    Invece se mi corico si rilassa e non dà nessun problema.
    cosa potrei fare? Lassativi? Grazie mille

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Caro Giovanni, hai provato a consultare un gastroenterologo? Se il problema persiste e provoca dolore, è sempre consigliabile sentire il parere di un medico. Io ritengo che ci sia anche una componente ansiosa che non facilita la tua guarigione. Cordiali saluti

  • roberto scrive:

    volevo parlarvi di mio padre,lui spesso ha delle fitte “nervose” che gli prende all’addome e che gli da fatica anche a respirare e non gli permette di fare esercizi fisici di palestra.
    non si riesce a capire cosa è,secondo voi?
    grazie

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve. Può trattarsi di un disturbo legato all’ansia o al nervosismo, che si manifesta in particolari occasioni. Le consiglio di praticare esercizi di respirazione, più che fitness. Anche lo yoga aiuta a sciogliere le tensioni muscolari e a rilassarsi. Cordiali saluti

  • Marina scrive:

    Salve, come tutti soffro di gonfiore addominale.
    Non soffro di intolleranze o patologie varie, sono leggermente in sovrappeso, sto attenta a cibi e bevande, bevo una tisana alla liquirizia la sera, ogni tanto anche una al finocchio.
    Non funziona niente.
    Mi manca la prova con il carbone vegetale, come e quando si prende? c’è una fine a tutto ciò?
    Lo stress nella mia quotidianità ha il sopravvento, provo con gli psicofarmaci
    ?!
    Grazie e complimenti x la costanza e la cortesia estrema nelle risposte.

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Cara Marina, il carbone vegetale ha molteplici proprietà ed è un coadiuvante tradizionale per: aerofagia, coliti, fermentazioni intestinali e gastriti. Le minuscole particelle trattengono tra di loro l’aria che si sviluppa a livello gastrico (quando si ingurgita troppa aria durante i pasti) e a livello intestinale (fermentazioni anomale dei cibi). In tal modo, viene eliminato il gonfiore e tensione delle pareti addominali, ma anche le infiammazioni. Ha la proprietà di assorbire sia i gas del tratto gastroenterico che l’eccesso di acidità gastrica, bruciore gastrico, diarrea, stimolazione della digestione, flatulenza, gonfiore, pirosi, catarro e disturbi gastrico, gastrite, ecc. Aiuta ad ostacolare l’assorbimento delle sostanze tossiche da parte dello stomaco e dell’intestino. Aiuta anche l’eliminazione dei metalli tossici accumulati e depositati anche nel cervello. Cura l’intossicazione da farmaci ed aiuta dalle intossicazioni da metalli tossici contenuti nei vaccini. Favorisce l’assorbimento dell’aria nel tratto intestinale. Contiene molti sali minerali basici, quindi e’ un adiuvante delle digestioni. Molto utile nella eliminazione dei minerali/metalli tossici immagazzinati nelle cellule, tessuti, organi. Mi raccomando, però: va assunto con attenzione in quanto alle volte produce stitichezza.
    Per quanto riguarda lo stress, può provare a combatterlo con la fitoterapia, prima di ricorrere agli psicofarmaci! Si faccia consigliare modalità di assunzione e dosi al medico omeopata. Cordiali saluti.

  • claudio scrive:

    Ho 59 anni,nel 1980 operato di linfoma intestinale e fortunatamente non posso lamentarmi, premesso che sono sempre sotto controllo medico.Inoltre soffro anche di BCPO, linfocitosi ed immunodepressione.Curo un po’ tutto, per la BCPO mi sottopongo spesso a cicli di antibiotici,riuscendo a stabilizzare anche i globuli bianchi relativamente alla linfocitosi,mentre per la carenza immunitaria pratico delle infusioni di immuglobuline.Purtroppo però ho una accentuata ansia intestinale che mi provoca uno stress notevole. Mi dai dei consigli????????????

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentile Claudio, ritengo che Lei stia affrontando i problemi nella maniera migliore. Posso solo aggiungere che è importante tenere a bada lo stress con rimedi specifici. Provi con la fitoterapia, ci sono erbe molto efficaci per calmare quello che Lei definisce “stress intestinale”.

  • claudio scrive:

    potrebbe gentilmente indicarmi qualche tipo di erba fitoterapica per non incorrere in errori? Grazie Claudio 59

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentilissimo Claudio, Le consiglio di procurarsi il succo di aloe puro in gel, che ha una funzione depurativa e disintossicante per l’intero apparato digerente. Le modalità di assunzione vengono scritte sulla confezione. Le consiglio di acquistare i prodotti fitoterapici della “Aboca”, che sono in vendita nelle migliori farmacie. Cordiali saluti

  • claudio scrive:

    Grazie del consiglio ed in ogni caso le farò sapere. Grazie ancora Claudio 59

  • sara scrive:

    buongiorno ankio soffro di gonfiore addominale e pancia gonfia. ho letto ke si può prendere il carbone vegetale in capsule. però prendo la pillola anticoncezionale. può influire l azione della pillola il carbone? grazie

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Carissima Sara, non c’è alcuna interazione tra la pillola anticoncezionale ed il carbone vegetale, che è un rimedio assolutamente naturale. Fammi sapere se noti dei miglioramenti dopo circa un mese. Ciao

  • Mery scrive:

    Gentilissima Cristiana sono una signora d 66 anni molto giovanile pratico ballo di tutti i generi 2 volte la settimana e anch’io ho la pancia gonfia che sembro incinta, non bevo non fumo non uso sale non mangio dolci no cibi fritti bevo tisana al finocchio e dopo pasto 1 pastiglia di carbone no pane no pasta molta verdura pero’ bevo pochissimo perché se bevo la pancia si gonfia di più Aiutami grazie

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Carissima Mery, il suo problema potrebbe essere provocato dalla ritenzione idrica. Bere poco non è positivo, perchè le tossine rimangono nell’organismo senza essere eliminate. Visto che andiamo incontro alla stagione estiva e quindi alle temperature più calde, si abitui a bere un pò di più. Cordiali saluti.

  • ciro scrive:

    da qualche settimana soffro di gonfiore addominale che si e’ rilevato anche con una ecografia. con anse coliche,notevolmente meteoriche,come alleviare questo fastidio

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Carissimo Ciro, ecco qualche consiglio: seguire una dieta equilibrata e bilanciata introducendo nello stesso pasto i vari nutrienti nelle giuste proporzioni; utilizzare, sotto controllo medico, antibiotici non assorbibili che esercitano la loro azione riequilibrante sulla flora batterica senza essere assorbiti dall’intestino (effetti collaterali ridotti);alcuni farmaci impediscono la formazione di schiume nell’intestino, favorendo l’assorbimento dei gas e riducendo il meteorismo (carbone vegetale, dimeticone). Alimenti consigliati in caso di meteorismo: FINOCCHIO: modera le fermentazioni intestinali e favorisce l’espulsione dei gas;MIRTILLO e MIRTO: possiedono una notevole azione antifermentativa e antiputreffativa; MELA: ricca di fibre interviene nella regolazione delle reazioni fermentative intestinali;MENTA: favorisce l’eliminazione dei gas, diminuendo le fermentazioni ed il meteorismo.

  • giulia scrive:

    buongiorno, anche io soffro di gonfiore addominale accompagnato da stimolo di eruttare ed è come se avessi sempre un nodo alla gola. Ho fatto, lo scorso anno, il test per le intolleranze almimentari ed è stata riscontrata un’intolleranza al gluine. Ho provato a togliere gli alimenti contenenti questa sostanza ma non ho avuto alcun risultato.D’inverno sono stata meglio ma ora con l’arrivo della primavera sono riusciti tutti i disturbi, si potrebbe trattare di allergie non alimentari???perchè questi disturdi mi vengono solo in certi periori dell’anno???

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Carissima Giulia, potrebbe trattarsi di una serie di disturbi causati da uno stato ansioso. Provi a tenere l’ansia sotto controllo con dei rimedi naturali.

  • nadia scrive:

    da anni sofro di gonfiori addominali ultimamente sembro incinta di sette mesi,ho 64 anni,
    la mattina mangio uno yogurt e un caffè,
    per pranzo maggiormente pasta con olio di oliva o sugo di pomodoro,
    la sera verdura cotta o cruda con pochissima carne o pesce,
    premetto che mangiando bevo un bicchiere di vino, e nell’arco della giornata
    bevo molta acqua circa due litri( cosa posso fare?)Aiutatemi non so cosa fare.

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentilissima Nadia, provi a fare lunghe passeggiate e un pò di moto ogni tanto per smaltire le tossine accumulate. Inoltre tenga a bada il nervosismo. I medici non sempre si soffermano sull’aspetto psicologico del disturbo, ma è indubbio che mente e corpo sono inscindibili. Cordiali saluti

  • Giovanna scrive:

    Buongiorno, sono una ragazza di 33 anni e da che ricordo ho sempre combattuto con la pancia gonfia. Sono molto attenta alla mia alimentazione, evito i prodotti da forno, carboidrati, cibi che fermentano, zuccheri, condimenti pesanti,….tengo sotto controllo la mia ansia che da sempre fa parte di me…ma ho sempre la pancia molto gonfia. Subito dopo i pasti, anche dopo un bicchiere d’acqua , la pancia si gonfia. Non so come comportarmi con le fibre, yogurth e fermenti. A volte si legge di assumerne, altre no. Tendenzialmente soffro di stitichezza, e quando assumo fermenti, benefibra…il mio intestino si irrita di più. Faccio movimento, ma anche dopo del movimento sembra che l’intestino si agita e lo sento ansioso…come devo comportsrmi in relazione a questa sensazione? Eseguo respirazioni e massaggi…ma niente.Ogni volta che ho fatto delle cure, il problema si allevia finchè prendo medicinali…. Cosa mi consiglia? grazie

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Cara Giovanna, il mio consiglio è di non ricorrere ai medicinali per alleviare il disturbo, perchè probabilmente l’uso di farmaci ha sensibilizzato le reazioni dell’organismo. Ha provato a fare i test per individuare eventuali intollerenze alimentari? Provi ad eliminare del tutto, per un mese, latte e derivati. Mi faccia sapere

  • Giovanna scrive:

    Grazie per la sua attenzione, in effetti sto evitando di prendere farmaci, anche perchè non sortiscono più l’effetto voluto come prima. Per quel che riguarda i test, proverò a chiedere al medico di base, in quanto non mi fido molto dei test alternativi. Negli anni passati ho fatto diete super restrittive. é vero, stavo bene, ma nel preciso momento facevo uno strappo…coliche di aria e dolore. Vuol dire che devo mangiare in bianco e zucchine bollite e vita, senza dolci, legumi, …. Già il ventaglio degli alimenti nella mia dieta è molto piccolo, dato il terrore di gonfiarmi più del mio solito.Grazie di nuovo.

  • nadia scrive:

    grazie del consilio, anche se superare i dispiaceri è un pò difficile, se ne parlassi al mio medico sull’aspetto psicologico? mi porebbe aiutare?
    per le passegiate quando ci riesco le faccio ma ho un’anca che non mi pemette tanto, grazie ancora.

  • rita scrive:

    buon girno anch’io soffro di pancia gonfia e sembro gravida,dal test risulto intollerante al latte vaccino (posso bere quello di capra)e mi mancano vitamine
    e minerali che attualmente stò integrando giornalmente;come tisana alla sera
    prendo finocchio,melissa e crescione è corretta la composizione della tisana?
    Perchè dopo 4 mesi dall’assunzione ho visto pochissimo miglioramento,c’è una
    tisana più idonea? tenga presente che soffro di leggera stitichezza ed assumo
    medicinali ( cortisone,provisacor x colesterolo,calcio x osteoporosi e actonel
    da 75 sempre x osteoporosi)posso prendere il carbone vegetale che ha consigliato
    ad altre persone? la rinrazio per la sua cortese risposta rita

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Cara Nadia, i medici dovrebbero ricordare che l’aspetto psicologico non può e non deve essere scisso da quello fisico. Il Suo disturbo potrebbe essere di natura psicosomatica. Cordiali saluti

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentile Rita, aggiunga pure il carbone a questa sfilza di rimedi che assume. Non ha assolutamente alcuna controindicazione! Cordiali saluti

  • marinella scrive:

    ee da molto tempo che soffro di gonfiore e colon irr ma da alcuni mesi mi sveglio alle 6 6/30 con dolore alla bocca dello stomaco vado a fare pipi e mi passa tutto ho fatto una eco completa non risulta nulla cosa puo essere grazie

  • Federico scrive:

    Salve. Sono un ragazzo di 35 anni e l’anno scorso fui operato ad un’ernia ombelicale. Tutto iniziò quando dall’ombelico è incominciato a fuori uscire del liquido denso e male odorante. Il mio medico curante disse che si trattava di una semplice infiammazione.Successivamente al Pronto Soccorso mi hanno diagnosticato l’ernia.Dopo l’operazione è andato tutto ok fino ad ottobre quando dall’ombelico e nuovamente uscito del liquido. Il dottore mi disse che si trattava di aria nell’addome e dopo una settimana di cure(3 pasticche al giorno) è tutto passato.Da qualche giorno sono nuovamente gonfio, mi duole l’ombelico e stamattina è nuovamente uscito il liquido.
    Cosa devo fare? Riprendere la cura del medico? C’entra qualcosa l’ernia operata? Leggendo i vari post penso di essere afflitto anch’io da uno stato d’ansia perenne che però nn posso arginare visto che è da poco che ho aperto un’attività in proprio e la paura che possa andar male è viva tutti i giorni. Ci sono giorni che non mangio neppure per non avere la sensazione di gonfiore che mi da la sensazione di soffocamento o comunque di difficoltà respiratorie. Grazie per l’attenzione prestatami.

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve, Marinella. Le ragioni alla base del disturbo possono essere diverse, non da ultime il regime alimentare e uno stato ansioso. Cerchi di controllare l’alimentazione eliminando cibi grassi e alcolici, e di tenere sotto controllo l’ansia quando le “attanaglia la bocca dello stomaco”.

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve, Federico. Ti consiglio di assumere qualche rimedio naturale per l’ansia, per esempio la melissa e la valeriana alla sera, in tisana, prima di metterti a letto. Pur non essendo un medico e non avendo altri elementi per stabilirlo con certezza, ritengo che i disturbi che stai accusando non c’entrino nulla con l’ernia.

  • marta scrive:

    salve , ho 19 anni e sono abbastanza meagra ma da un paio di mesi ho una sensazione di gonfiore pesantissima e anche se facccio 50 min di ginnastica più alcune serie di addominale e seguo un ‘alimentazione abbastanza corretta non mi passa …..cosa posso fare ? grazie mille

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve, Marta. Se si tratta di un disturbo episodico può essere dovuto ad un’intolleranza alimentare o ad un periodo di stress psico-fisico. Tieni d’occhio ciò che mangi, elimina bibite gassate e alcolici, cibi troppo grassi e happy hour!

  • CECILIA scrive:

    Salve,
    sono un paio di giorni che ho dei fastidi che partono dallo stomaco…non dolori; non riesco a spiegarli…. è come se avessi fatto un sacco di addominali…..invece no!!! Cosa può essere?
    Grazie per l’attenzione,
    Cecilia

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve, Cecilia. Non sono un medico, ma potrei ipotizzare un colpo di freddo o un’infiammazione dovuta a qualche alimento particolare.

  • sara scrive:

    Salve,ho bruciore con reflusso ogni tanto,dopo periodi di litigi e stress………mi esce fuori………..devo preoccuparmi????grazie

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentile Sara, può provare una cura a base di fermenti lattici per eliminare il fastidioso problema che la affligge. Inoltre la fitoterapia offre una vasta gamma di rimedi naturali. Si rivolga ad un farmacista omeopata che le consiglierà cosa assumere.

  • gabriella scrive:

    salve, ho 46 anni e da sempre gonfio in odo eccessivo( + di una taglia) ad ogni pasto. oggi ad esempio non ho mangiato nulla che contenesse lievito a pranzo ..ma sonoi gonfiata ugualmente…sono stata operata di colecisti per calcoli..può essere che non riesco a digerire bene e gonfio?ho già provato il carbone con enzimi, il coligas….ma poco o niente come risultato.solo se non mangio non gonfio….ma questo non è possibile farlo semp’re!!!!
    mi può dare il suo parere?
    grazie
    gabriella

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Carissima Gabriella, il gonfiore addominale di cui soffri potrebbe derivare da una o più intolleranze alimentari. Ti consiglio di effettuare qualche test per poter individuare gli alimenti che provocano questo disturbo. Cordiali saluti

  • giovanna scrive:

    salve,ho 42 anni ho sempre sofferto di aria nella pancia ma ultimamente alla fine di ogni pasto finchè non digerisco mi viene la tachicardia,mi può dire se è normale e qualche consiglio,grazie!

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentile Giovanna, la tachicardia nella fase digestiva potrebbe essere un sintomo di reflusso gastro-esofageo. Le consiglio quindi, visto che siamo in estate, di preferire pasti leggeri e poco conditi per favorire il processo di digestione. Cordiali saluti

  • anna scrive:

    salve, ho 22 anni e da circa un mese o due soffro di gonfiore addominale, senza alcun dolore. mi sento una palla, ho tutto l’addome gonfio ed è fastidioso, sia da sentire che da vedere. in più mi sento sempre stanca e svogliata, non se sia legato a questo. può aiutarmi?

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentilissima Anna, può trattarsi di un periodo peraticolare di stanchezza e stress. Prova, visto che fa caldo, a bere del thè verde, una bevanda che favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso e non contiene molti zuccheri.

  • Sara scrive:

    Buongiorno,sono una ragazza di 35 anni, da un paio di anni ho problemi che sono andati man mano crescendo. Un fortissimo bruciore all’imbocco dello stomaco che mi perseguita notte e giorno accentuandosi appena mangiato. Inoltre ogni volta che ingerisco cibo di qualsiasi tipo mi si gonfia la pancia come se fossi incinta. Ho fatto una gastroscopia da cui non è risultato nulla, sto attendendo gli esami della biopsia per escludere una celiachia o un battere. Quali cibi devo mangiare e quali eliminare dalla mia dieta?? ( premetto che sono vegetariana da 15 anni )Grazie!!

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Ciao, Sara. Il problema del gonfiore addominale potrebbe derivare anche da un eccessivo consumo di legumi e verdure. Visto che sei vegetariana, devi stare molto attenta ad evitare eventuali scompensi nell’alimentazione, che possono portare problemi di questo tipo. Non dimenticare di bere molto, almeno otto bicchieri di acqua al giorno.

  • Annalisa scrive:

    Buon giorno, sono una ragazza di 29 anni,alta 1.63 circa e peso 48 kg. Oggi è giovedì e da domenica sento la pancia che si muove… aria che si muove.. se faccio un massaggio in senso anti orario sento proprio lo spostamento di aria… e sento male anche se nn schiaccio…se mi muovo un po…sento male.
    Ho sempre sofferto di stitichezza anche se proprio ultimamnete questa cosa nn si verifica… alcune volte ho sofferto di coliche di aria…le ho sempre chiamate così…nn so se esiste il termine… poi però bastava fare un pò di pressioni e riuscivo a sare meglio fino a sgonfiarmi.
    Invece quello che mi sento ora è più forte… anche i moviemnti in pancia… quando l’aria si muove…mi fa parecchio male e ogni tanto ho fenomeni di eruttazione.
    infine Le dico ceh nn seguo nessuna dieta, fumo a solo al sabato sera bevo alcolici. e sono sempre stata molto stressata: mi hanno operato di ernia iatale allo stomaco e ho la tiroide con noduli emorragici cavernosi e liquidi causa stress. 1 volta a settimana vado a fare un corso di ballo.
    Cosa posso fare per far si che mi passi almeno un pò… se nn totalmente? ad agosto vado via …una settimana, l’unica settimana di ferie..ma vorrei andare tranquilla!!!
    Grazie mille!
    Annalisa

  • Annalisa scrive:

    sono sempre Annalisa.. mi sono dimenticata di scrivere che ho anche metereorismo…dopo un movimento di pancia…sento come se l’aria si sforzasse di passare…e poi ho il meterorismo

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Cara Annalisa, per sconfiggere meteorismo e gonfiore addominale puoi provare a masticare lentamente;evitare le abbuffate; mangiare la frutta zuccherina lontano dai pasti, soprattutto in caso di colite fermentativa; se si soffre di meteorismo è bene evitare le fritture ed i cibi molto grassi; mangiare in un ambiente rilassante, senza parlare troppo tra un boccone e l’altro. Attenzione a combinazioni alimentari particolarmente sfavorevoli: carne e formaggi; uova e legumi; pasta, pane e molta carne; per prevenire il meteorismo limitare il consumo di the, alcol, bevande gassate e più in generale di tutti quegli alimenti che contengono aria (panna montata, pasta sfoglia ecc.); attenzione ai dolcificanti artificiali che contengono polialcoli (mannitolo, sorbitolo, xilitolo); anche un eccesso di fruttosio favorisce il meteorismo;
    altri comportamenti a rischio: succhiare con la cannuccia e fumare durante i pasti; il meteorismo e la fermentazione intestinale possono essere evitati grazie ad un ammollo prolungato dei legumi, al loro consumo sottoforma di puré o alla loro divisione con il cucchiaio a metà cottura; nei pasti ricchi di proteine si consiglia l’associazione con verdure.

  • nando scrive:

    salve, da un paio d anni ho spesso la pancia gonfia con dolore epigastrico se mi sdraio si allevia ,ho anche stitichezza a volte come se il colon fosse ostruito,a volte invece e del tuttto normale esiste un erba che pulisca l apparato digerente?

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Carissimo Nando, come ho già consigliato altre volte, può andare bene il carbone vegetale, da assumere in compresse. Noterai un rapido sgonfiamento dopo qualche settimana. Evita nel frattempo gli alcolici e le bibite gassate.

  • eros scrive:

    e non esiste un modo per commbattere il gonfiore naturalmente senza farmaci?

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentilissimo Eros, certo che esistono rimedi naturali per combattere il gonfiore addominale! Puoi provare con il succo di aloe vera, che purifica l’intestino e lo ripulisce da eventuali scorie e tossine. Insomma, è utile per ripristinare una regolarità intestinale che è alla base di un ventre piatto e senza gonfiori. Tieni sotto controllo inoltre lo stress e la sedentarietà.

  • Antonello scrive:

    Spesso mi capita, solo la sera, che il mio stomaco si gonfia ed è dolorante tanto da non riuscire neanche ad addormentami; questo mi capita se mangio formaggio anche in piccole quantità.
    A parte evitare tali alimenti una volta che si presenta il gonfiore e quindi il dolore esiste qualche rimedio per farlo passare?

  • Redazione scrive:

    Per Antonello. Forse si tratta di intolleranza al lattosio? Ha fatto analisi e test specifici? Ha problemi con il latte ?

  • ANNA scrive:

    CIAO HO 32 ANNI HO FATTO LA CASTROSCOPIA GIA 2 VOLTE MI HANNO DETTO CHE HO LA VALVOLA DELLO STOMACO CHE NON SI CHIUDE BENE E IN PIU UNA CASTRITE CRONICA HO SEMPRE MOLTO GONFIORE ADDOMINALE E DOLORE MI SENTO SEMPRE MOLTO ANSIOSA X NON MI SENTO A MIO AGIO STO PROVAndo a bere la tisana al finocchio volevo un vostro consiglio x i troppi medicinali x lo stomaco mi fanno aumentare la prolattinemia vi prego datemi un consiglio anche x io mangio solo in bianco

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentilissima Anna, da quello che scrivi credo ci sia una forte componente ansiosa da controllare, perchè l’ansia e lo stress possono peggiorare una situazione già cronica (come la gastrite, nel caso specifico). Ti consiglio di fare un’ attività fisica che possa aiutarti a scaricare le tensioni, come lo yoga o il training autogeno. Va bene la tisana di finocchio, ma credo che possa fare ben poco di fronte ad una gastrite, soprattutto se cronica. Un saluto

  • ANNA scrive:

    grazie per avermi risposto infatti avrei tanto bisogno di stare un po piu tranquilla

  • Alfredo scrive:

    Salve.. ho 49 anni e da qualche mese ho come la sensazione che la pancia è più gonfia del solito… anzi è gonfia.. sarà perchè ultimamente ho pensato che essendo in cassaintegrazione faccio una vita più sedentaria.. ma questo non spiega come mai ho tipo dei dolori non forti.. immediatamente subito dopo le costole sia a destra che a sinistra.. non proprio sul fianco.. ma una via di mezzo con il centro del corpo.. è come se ci fosse qualcosa d’ingrossato che prima non sentivo,, di corpo vado regolarmente.. ho solo la digestione abbastanza lunga.. ma quella cel’ho da parecchio.. sono donatore avis e gli ultimi esami erano nella norma anche se il colesterelo e i trigliceridi al limite massimo.. e la ferritina al limite minimo.. cosa può essere? Grazie

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Salve, Alfredo. Io ritengo che debba tenere sotto controllo l’alimentazione: forse c’è qualche alimento che non dovrebbe mangiare. E comunque un pò di moto le farebbe bene: cominci con lunghe passeggiate o una blanda corsetta. Cordiali saluti

  • Alfredo scrive:

    Grazie per la risposta.. si infatti anchio ho pensato che potrebbe essere un’intolleranza alimentare.. ma le uniche due che ho sono il “kiwi” non ne posso mangiare neanche pochissimo che mi provoca gonfiore associato ad un’azione lassativa che dura parecchie ore.. e ultimamente anche la “melanzana” stesso effetto del kiwi.. gonfiore.. dolore.. ma al contrario mi provoca stitichezza. Comunque farò degli accertamenti sulle intolleranze alimentari.. grazie ancora

  • Giordano scrive:

    Io ho 18 anni e da quando sono nato ho questa pancia gonfissima rispetto al resto del corpo infatti sono magrissimo,non ho petto,e peso 55 kili per 1,74.Ogni cosa che mangio devo stare attento e dal punto di vista estetico sono veramente osceno(stile bimbo terzo mondo).Ultimamente sono riuscito a ridurre questo problema ma devo fare i salti mortali e non ce la faccio più.Non potevo nascere come tutti gli altri ragazzi cavolo??vabe buona fortuna a tutti

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Carissimo Giordano, tra i rimedi anti-gonfiore c’è anche il movimento fisico quotidiano. Visto che sei così giovane, cerca di assumere questa sana abitudine. Per te valgono inoltre tutti i consigli già dati in questa sede. In bocca al lupo

  • Rosanna scrive:

    Salve, mi chiamo Rosanna e anch’io soffro di gonfiore e dolore allo stomaco da circa tre mesi. Sento la pancia gonfissima e dura, soprattutto nella parte sx e in prossimità del colon, sia dopo mangiato che in altri momenti della giornata. Su consiglio del medico ho assunto prima, fermenti lattici e pillole contro il gonfiore per circa 20 giorni; successivamente, delle bustine per la stitichezza per altri 20 giorni, ma nn ho risolto il problema. Ho eliminato il pane e tutti i lievitati, non assumo alcol e bevo molta acqua…
    Dato che i sintomi descritti persistono diciamo quasi giornalmente, cosa dovrei fare adesso? Solo perchè cominicio a preoccuparmi.
    Grazie!

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Cara Rosanna, se il gonfiore persiste potrebbe trattarsi di un’intolleranza alimentare. Le consiglio quindi di effettuare i test per individuare quale alimento le provoca questo disturbo. Le consiglio anche (se non acora ha provveduto) ad effettuare un’ecografia dell’addome ed una TAC per escludere anomalie di diverso tipo. Cordiali saluti

  • Patrizia scrive:

    Ho 48 anni e da sempre soffro Di Stipsi ultimamente cerci Di stare Piu attenta mango crusca yogurt activia kiwi e comincio a trovare giovamento e regolarita’. Pero, spesso, anche se l’intestino e’ libero, come da alcuni giorni, ho un enorme gonfiore e tensione addominale.
    Avro Qualche intolleranza?

  • Cristiana Lenoci scrive:

    Gentilissima Patrizia, se il gonfiore addominale persiste nonostante la ritrovata regolarità intestinale, forse è il caso di effettuare dei test per individuare eventuali intolleranze. Cominci dagli alimenti che mangia più spesso e che magari le piacciono maggiormente. Tenga inoltre presente che anche una vita sedentaria e stressante contribuisce ad accentuare il fenomeno del gnfiore addominale.

  • Margherita scrive:

    Il mio compagno di 41 anni,peso 77 kg per 187 d’altezza,quando viene da me,(stiamo un pò distanti e non ci vediamo spesso), lamenta un gonfiore all’addome e stipsi. La cosa sembrerebbe banale,ma comincio a pensare che sia psicosomatica,e che possa essere indice di un suo stress molto forte. Infatti lui dice che quando è qui non cambia alimentazione e non riesce a dare nessuna ragione al fatto. Comuncio a pensare di essere io la causa. O forse il cambio di clima?
    La ringrazio se può darmi qualche consiglio.

  • pancia gonfia scrive:

    ho sempre un senso di bruciore quando evaquo da circa 3 anni su lato destro sotto la costola e volevo sapere che cosa e

  • pancia gonfia scrive:

    ho sempre un senso di bruciore quando evaquo da circa 3 anni su lato destro sotto la costola e volevo sapere che cosa e rocco

  • costantino scrive:

    A seguito di seri probblemi cardio vascolari, da circa tre anni ho smesso di fumare sigarette. A seguito della patologia riscontratami, il cardiologo mi ha prescritto l’assunzione di una serie di farmaci che assumo quotidianamente. Da circa un anno e mezzo ho incrementato il mio peso di circa 18 Kg riscontrando persistentemente e visibilmente un duro gonfiore all’addome, in particolare all’altezza dello stomaco. Mi contengo nel consumare alimenti ricchi di calorie e grassi e nel consumare alcolici, bevo solo un bichiere di vino rosso a pasto. Non so cosa pensare se il gonfiore sia dovuto al consumo dei farmaci ( che obbligatoriamente devo assumere ) oppure ad una dieta alimentare non giusta.

  • graziano scrive:

    Salve a tutti io ho un problema,ho smesso di fumare da 8 mesi circa ma è da circa 20 giorni che come mi alzo da tavola mi sento questo strano gonfiore allo stomaco ( mi capita sempre a cena )e faccio fatica a respirare premetto che da quando nn fumo più sono aumentato di peso.ho provato il carbone vegetale e devo dire che è molto utile ma il problema nn mi passa cosa posso usare oltre il carbone? Grazie x l’ aiuto vi saluto

  • vincenzo bencivenga scrive:

    Salve, ho un problema di gonfiore e dolore sotto alle costole più accentuato a destra come se fosse un un ago che punge, maggiormente di sera, se bevo acqua si attenua, ho pre diverse cose come Mylicongas, etc. ho fatto una ecografia addome, ma resta il problema, cosa altro posso fare? si resta in attesa di una Vs gentile risposta.
    Distinti saluti-

  • Alex scrive:

    Vedo che qua le risposte nn arrivano mai..

    Meno male che si chiama risposta facile :-/

  • Giovanni Lattanzi scrive:

    Per Alex. Gentilissimo, questo sito si chiama rispostafacile perchè alla domande del titolo fornisce (gatuitamente) una risposta che è scritta nel testo dell’articolo. Facile e leggibile, sintetica e chiara, almeno nei limiti in cui i nostri redattori riescono a documentarsi e preparare il testo. Noi non siamo una associazione di consumatori che offre consulenza on line ne un sito di informazioni.

  • Maricha scrive:

    Ciao, nel periodo premestruale mi capita di avere per giorni la pancia e lo stomaco gonfissimi, dolori intestinali e flautolenza. Sento l’addome spingere verso l’esterno. é una situazione di grande disagio. come posso aiutare il mio corpo a ritornare “normale”?

  • chiara scrive:

    se riuscite a risolvere il mio problema di pancia gonfie vi faccio un monumento, che mi sento cosi adeguata

  • Elena scrive:

    Io 2settimane al ciclo e durante le mestruazioni sono gonfissima.Ho provato di tutto,pure le tisane.Che devo fare?Mi si gonfiano pure le cosce.

  • emilio scrive:

    ho una epatite c.ho fatto ecografia addominale ma non ho acqua,ho sempre di piu’pancia non riesco a capire se e’ gonfiore,o grasso sto veramente male e nessun medico riesce a darmi una risposta,sto veramente male non riesco nemmeno a respirare datemi un consiglio a chi posso rivolgermi,grazie….

  • rina scrive:

    ho sempre la pancia gonfia, non riesco a capire se è dovuto aqualche intolleranza oppure a stress e ansia a volte mi manca il respiro e sbadiglio incontinuazione! mi sento talmente frenetica che quando faccio qualcosa o mangio lo faccio sempre in fretta e poi mi sento male, adesso sto prendendo il lexil e sono piu tranquilla , mi sento piu rilassata, pero c’è un problema il lexil mi provoca stitichezza! non so come devo risolvere questo problema mi aiutate!

  • chiara scrive:

    ho gli stessi sintomi di rina…gonfiore addominale, un continuo senso di ansia. non ho mai avuto pancia, anzi sono sempre stata piatta, un addome invidiabile. sbadiglio anche io in continuazione, come se mi mancasse sempre il respiro. aiutatemi e datemi un consiglio utile.

  • CARMEN scrive:

    Ho sessantanni, non sono sovrappeso, faccio acquagim 2 volte la settimana, mi muovo quasi sempre a piedi, ho un’alimentazione abbastanza sana: colazione con the e biscotti, pranzo con 70 gr. di pasta e verdura cena con carne o pesce o uova verdure crude e poco pane. Evacuo bene una volta al giorno. PERO’ SONO MOLTO STRESSATA a causa di problemi con mia mamma anziana che necessita di continua assistenza. Da un paio di mesi il mio addome, che ho sempre avuto piatto nonostante l’età, cresce a vista d’occhio ed ho sempre la sensazione di aver mangiato un bufalo. Come posso fare a risolvere il problema?

  • Laura scrive:

    Ho 13 anni, peso 47 kg e sono alta 1,65 cm. A me appena bevo un bicchiere d’acqua mi si gonfia la pancia e da quest’estate ho quasi smesso di mangiare a causa di questo problema. Per favore aiutatemi!!!

  • matteo scrive:

    un po di tempo fa avevo anche io questi sintomi abbastanza capriccianti e noiosi solo stomaco e avevo qualche chilo di troppo, ma ho trovato un amico che mi ha consigliato di prendere i suoi prodotti e ho trovato veramente il mio respiro e ho tolto la pancia rapidamente senza che me ne sia accorto, ora a parte che il mio amico mi ha dato il buon consiglio il buon prodotto, oggi sono diventato io ad consigliarlo a tutti…se vuoi fammi sapere e vedrai che non ti pentirai..email: teo150770@gmail.com

  • antonio scrive:

    mi hanno trovato l’helicobacter pilory e una intolleranza nei miei geni al glutine (che non costituisce celiachia pero’), Dopo tre mesi dalla terapia eradicante dell’hp (efficace) e mesi di dieta con pochissimo glutine il mio intestino soffre di gonfiore (soprattutto mattutino e serale) fino a colichette e dolenzia, rumori e movimenti scarsamente tollerabili, e stanchezza psicofisica. il mio medico parla di disbiosi. Prendo probiotici. Ho 27 anni. Riavro’ una vita decente?

  • arianna scrive:

    Mi è capitata una cosa strana. Ieri pomeriggio ho corso solo 4 km invece dei 10 a cui sono abituata, e stamattina mi sono ritrovata con gli addominali alti molto gonfi, tanto che sembra grasso (solitamente quella zona è molto tonica e piatta). E’ tutto il giorno che mi sento gonfia..quale potrebbe essere la causa,e come evitare tutto ciò?

  • maria angela scrive:

    Da circa 6 anni, dopo il 2° parto, accuso forti dolori alle pelvi nel periodo mestruale, con interessamento anale (con il parto sono uscite fuori le emorroidi).
    Prima del ciclo accuso gonfiore allo stomaco, durante il ciclo forti dolori addominali alla defecazione ed emissione di gas intestinali che risolvo in parte con somministrazione di brufen, ma permane il dolore addominale da presenza di gas.
    Ho provato di tutto, cerco di mantenere l’intestino libero da feci e aria, mangiando più frutta e verdura, pratico il nuoto, alcuni giorni prima della mestruazione assumo supposte di glicerina, prendo fermenti lattici, assumo compresse di carbone con finocchio, anice ed enzimi,mangio yogurt tutti i giorni.
    Ho fatto test di intolleranze alimentare che è risultato negativo.
    Da un mese assumo lexil compresse 1 compressa mattina e sera per 20 giorni iniziando nel periodo ovulatorio. al momento del ciclo ho avuto dei dolori atroci. (Me la prescritto la mia dietologa per escludere chi si tratti di colon irritabile).
    Come posso eliminare questo gonfiore addominale durante periodo mestruale?

  • Giovanni Lattanzi scrive:

    Per Maria Angela. Le suggeriamo una visita da un bravo gastroenterologo, perchè pur con la sua precisa descrizione, qualsiasi indicazione e prescrizione di ordine medico deve sempre necessariamente essere fatta da un medico, in questo caso specialista.

  • Leandra scrive:

    Salve , ho 27 anni e da circa una settimana che ho un gonfiore alla pancia sotto l’ombelico la mattina ho la pancia quasi piatta il problema e’ che dopo pranzo mi si gonfia qualsiasi cosa mangio mi si gonfia subito .. Ho sempre un ciclo regolare ma il mese scorso ho avuto un ciclo molto scarso .. Devo anche dire che gli ultimi due mesi ero tanto nervoza e stressata e anche molto ansiosa sara’ anche per questo ? Grazie mille in anticipo .

  • Lea scrive:

    Salve , e da circa due settimane che ho la pancia appena sotto l’ombelico gonfia al mattino e’ piatta appena finito di pranzare mi si gonfia subito sembro quasi di essere incinta e faccio fatica a respirare :( Devo anche dire che gli ultimi due mesi sono stata moltro stressata e nervosa puo’ anche dipendere da questo? Mi puo’ dire di che cosa si tratta o cosa devo fare per sgonfiarmi? Grazi mille in anticipo .

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.