Come difendere gli animali dal caldo?

Nonostante la presenza del pelo serva proprio adifendere gli animali dal caldo, come dal freddo, i nostri amici a quattro zampe soffrono parecchio le alte temperature e quindi è importante difenderli per evitare rischi anche piuttosto gravi. Poiché loro non possono parlare, siamo noi proprietari a dover mettere in atto ogni accorgimento possibile per difendere i nostri amici dalle conseguenze del caldo e dell’afa, quali per esempio il colpo di calore.

Come difendere gli animali dal caldo

Come difendere gli animali dal caldo

Quando si parla di come difendere gli animali dal caldo molti rimangono stupiti. Eppure cani e gatti sono soggetti a scottature solari, proprio come noi: le zone più delicate sono occhi, naso e orecchie. Le scottature possono manifestarsi in forma lieve (eritemi solari), oppure con lesioni della cute anche molto profonde.

I cani e gatti a pelo corto o con pelo di colore chiaro sono più a rischio rispetto ad altri. Quando portate i vostri amici al mare, in campagna o in montagna non dimenticate di applicare sul manto delle creme con filtro solare o uno spray solare (più pratico da utilizzare). Se si tratta di cuccioli, poi, non portateli in giro nelle ore assolate e nei giorni ventosi con un sole non proprio forte: sono più delicati degli animali adulti!

Qualche regola generale per difendere gli animali dal caldo

In estate, e nei giorni di afa in particolare, seguite queste regole generali per difendere gli animali dal caldo e sarete amati dagli amici “a quattro zampe”:

  • 1) Cambiate spesso l’acqua nella ciotola, e badate che sia sempre pulita e fresca
  • 2) Non lasciate cani o gatti in macchina, anche se ci si trova all’ombra. L’abitacolo si surriscalda subito
  • 3) State sempre attenti a controllare gli alimenti, poiché con il caldo si deteriorano più in fretta
  • 4) Se tenete il cane all’aperto, badate a tenere la cuccia in un luogo fresco e ombreggiato
  • 5) Portate il cane fuori al mattino presto o nel tardo pomeriggio, in modo da evitare che si scottino le zampette sull’asfalto
  • 6) Non tosate il cane: il pelo anzi serve a ripararlo dal sole e dalle alte temperature

Difendere gli animali dal colpo di calore

Ci sono animali più a rischio di altri, quindi siate attenti se: il cane o gatto è anziano; se ha già avuto in passato altri episodi di scottature o colpi di calore; se è in sovrappeso; se ha le vie respiratorie anguste e strette; se è affetto da patologie cardiache o respiratorie; se è una specie a pelo lungo; se si tratta di cani molossi come carlino, boxer e bulldog. Il colpo di calore è una situazione di emergenza che può mettere in pericolo l’esistenza degli animali, e si verifica quando la loro temperatura corporea raggiunge i 41-42° (poiché il loro organismo non è capace di attuare la termo dispersione, in quanto non sudano).

Per riconoscere i sintomi di un colpo di calore, state attenti se il cane manifesta difficoltà a stare in piedi o a respirare. In alcuni casi può anche arrivare a perdere coscienza o ad avere convulsioni. Portatelo quindi in una zona ombreggiata e fresca, bagnatelo con un asciugamano bagnato, ma non utilizzate acqua gelata! Fategli bere acqua fresca e poi portatelo subito dal veterinario. In alcuni casi è necessario un ricovero per farlo riprendere dallo shock.

Un consiglio: prima di portare il vostro amico a quattro zampe con voi, verificate il suo stato di salute e controllate che il libretto sanitario sia a posto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *