Come curare l’artrosi

L’artrosi è una malattia degenerativa delle articolazioni. Ne soffre il 20% degli italiani, la maggior parte dei quali ha più di 65 anni di età. In questa patologia, ovviamente, l’età gioca un ruolo determinante ma, considerando che il numero degli anziani nel nostro Paese è in rapido aumento, si prevede purtroppo un incremento nei prossimi anni. questa patologia consiste in una degenerazione progressiva della cartilagine, che è il tessuto che ricopre le ossa, permettendo loro di muoversi agevolmente e attutendo gli impatti provocati dal movimento fisico. Si può prevenire l’artrosi praticando una moderata e costante attività fisica, e osservando una


L’artrosi è una malattia degenerativa delle articolazioni. Ne soffre il 20% degli italiani, la maggior parte dei quali ha più di 65 anni di età. In questa patologia, ovviamente, l’età gioca un ruolo determinante ma, considerando che il numero degli anziani nel nostro Paese è in rapido aumento, si prevede purtroppo un incremento nei prossimi anni. questa patologia consiste in una degenerazione progressiva della cartilagine, che è il tessuto che ricopre le ossa, permettendo loro di muoversi agevolmente e attutendo gli impatti provocati dal movimento fisico. Si può prevenire l’artrosi praticando una moderata e costante attività fisica, e osservando una corretta alimentazione. Scopriamo insieme come curare l’artrosi.

Tipologie e cause di artrosi

Esistono vari tipi di artrosi. C’è quella derivante da malattie, traumi, sovraccarichi fisici (se si è praticato uno sport faticoso o un lavoro duro), e quella derivante da un fisiologico e progressivo logorio delle articolazioni. Può essere che in giovane età si abbiano avuto episodi e avvisaglie, poi superati grazie alla capacità rigenerativa dei tessuti. Con l’avanzare dell’età l’organismo perde tale capacità. La postura scorretta, il sovrappeso e l’età sono le principali cause dell’insorgere dell’osteoartrite, detta comunemente “artrite”. E’ importante mantenersi in forma con una ginnastica moderata ma continua, che renda le articolazioni flessibili, per prevenire il rischio di irrigidimento.

Come curare l'artrosi

 

Dove colpisce l’artrosi

Anche se può colpire qualunque articolazione, l’artrosi interessa, in particolare, alcune parti del corpo: le anche, le ginocchia, le mani, la colonna vertebrale. Quella alle anche causa rigidità, dolore e, nei casi più gravi, uno stato di disabilità. Il dolore può essere avvertito anche all’inguine, impedendo al soggetto di piegarsi. Nelle persone più anziane questo limita, per esempio, la possibilità di indossare da soli calze e scarpe. La forma che colpisce le ginocchia è una delle più comuni. Il ginocchio colpito diventa gonfio, rigido e dolorante, e questo rende difficile e faticoso anche il semplice camminare o salire la scale. Quella alle mani colpisce soprattutto le donne durante la menopausa, e può coinvolgere sia le articolazioni periferiche, che più in profondità. Le mani diventano rigide, poco sensibili e doloranti. Quella alla colonna vertebrale può avere ripercussioni anche sulle braccia e le gambe, che si indeboliscono. E’ il tipo più difficile da curare, proprio per le sue implicazioni su altre articolazioni, che vengono inevitabilmente coinvolte.

Qualche rimedio contro l’artrosi

Se si soffre di artrosi, è consigliabile tenere sotto controllo l’alimentazione. E’ preferibile consumare pesce, soprattutto sardine, salmone e halibut, perché ricchi di grassi essenziali “omega 3”. Questi svolgono un’efficace azione antiinfiammatoria naturale. L’olio di pesce può essere usato come integratore nel trattamento dei sintomi infiammatori delle articolazioni. Sono da evitare i cibi troppo grassi, carni, uova e latticini. Numerosi studi hanno dimostrato che una dieta priva di carni rosse attenua e diminuisce i sintomi dell’artrosi. Va eliminato anche lo zucchero raffinato, che si può sostituire con dolcificanti naturali, come il miele integrale. L’omeopatia può aiutare a frenare l’insorgere del dolore articolare. Per le forme che colpiscono l’anca, il ginocchio e la colonna vertebrale, un ottimo rimedio naturale è costituito dal c.d. “artiglio del diavolo”. Chiedete al farmacista le dosi e le modalità di somministrazione. Altre erbe che vengono in soccorso sono: il ribes nero, il pinus montana, la vitis vinifera (particolarmente indicata per quella che colpisce le mani). Se la forma non è ancora grave, ma nella sua fase iniziale, può essere utile affidarsi a un fisioterapista che possa aiutare il corpo a riprendere un minimo di agilità, attraverso movimenti lenti e senza forzature. Sarà lui a consigliare il numero di sedute che occorrono, in base alla gravità del singolo caso.


29 Commenti

  1. cosimo
  2. Cristiana Lenoci
  3. MARCOS
  4. alessandra
  5. Cristiana Lenoci
  6. rita
  7. rita
  8. Cristiana Lenoci
  9. Tina
  10. Cristiana Lenoci
  11. Marinella
  12. Cristiana Lenoci
  13. zardoni paolo
  14. Cristiana Lenoci
  15. arsela
  16. rezar
  17. bruno
  18. Danilo
  19. maria
  20. massi
  21. antonio
  22. pietro
  23. barbara
  24. d'aragona vincenzo
  25. giovanna
  26. Teodoro Novembrini
  27. olly
  28. assunta
  29. assunta

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *