Come cucinare la cicoria

La cicoria è una pianta spontanea tipica della stagione estiva, anche se si trova comunque tutto l’anno. Le tipologie più usate in cucina sono il cicorino, la spadona e la selvatica. Cucinarla è semplice, ma per esaltarne al massimo il sapore è bene attenersi ad alcune piccole regole. Innanzitutto, forse non tutti sanno che quando si […]



La cicoria è una pianta spontanea tipica della stagione estiva, anche se si trova comunque tutto l’anno. Le tipologie più usate in cucina sono il cicorino, la spadona e la selvatica.

Cucinarla è semplice, ma per esaltarne al massimo il sapore è bene attenersi ad alcune piccole regole. Innanzitutto, forse non tutti sanno che quando si lessa la cicoria è meglio metterla nell’acqua già calda, non in quella fredda che deve ancora essere portata ad ebollizione, altrimenti rischia di ammosciarsi e perdere un pochino di consistenza. La quantità di acqua, inoltre, deve essere molto abbondante, cosa che invece non serve per altre verdure.

Il tempo di cottura varia a seconda del tipo di cicoria: se è fresca e dalle foglie tenere, bastano 10 minuti per cuocere la cicoria, laddove ci riferiamo comunque ad una cottura al dente; se invece le foglie non sono tenere, come accade con il cosiddetto ‘cicorione’, i tempi si allungano un pochino, servono almeno 15 minuti.

Chi non ama particolarmente il sapore amaro di questa verdura, o vuole attenuarlo per qualche motivo, può mettere una fetta di limone nell’acqua di cottura: in questo modo l’amarezza tipica della cicoria si riduce sensibilmente.

Una volta lessata, la cicoria viene ripassata in padella se è destinata al consumo come contorno. Si prepara un trito di cipolla da mettere in olio e sale, e si fa saltare la cicoria, senza aggiungere altro se non la pazienza di mescolare spesso.  Per chi lo gradisce, si aggiunge poi il peperoncino in polvere e la cicoria è pronta per essere gustata. Ovviamente in questa versione è più calorica, perchè c’è il soffritto, per cui se si segue una dieta o un regime alimentare ipocalorico, è meglio mangiarla solo bollita, e condita con olio e limone (anche il peperoncino va bene). Meno appetitosa, ma comunque piacevole se piace.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:

  • Purtroppo non ci sono articoli correlati




Questo articolo ha un commento

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.