Che cos’è il bilinguismo?

Il bilinguismo consiste semplicemente nella capacità di parlare due lingue. Molto spesso essere bilingue nasce dall’avere genitori di differenti nazionalità o dal vivere in un posto differente da quello in cui si è nati, trasferendosi durante l’infanzia. I fattori che influenzano il bilinguismo sono molti e riguardano soprattutto il tipo e il grado di apprendimento delle due lingue e anche l’utilizzo di esse. Alcuni studi hanno dimostrato che l’essere bilingue porta a un maggiore sviluppo del cervello e delle capacità di apprendimento, tuttavia possono esserci alcuni fattori negativi nel dover confrontarsi con due differenti lingue.

Il bilinguismo

Con questo nome si indica una situazione complessa dove un individuo è in grado di parlare e comprendere due lingue completamente differenti. Questa condizione presenta varie situazioni che dipendono da numerosi fattori. Non si tratta di una situazione standard ma di un processo e uno stato complesso.

Le due lingue possono essere apprese contemporaneamente durante la crescita, o una delle due lingue viene appresa successivamente, durante l’età scolastica. La crescita e lo sviluppo del bilinguismo dipendono molto dalla società in cui l’individuo cresce, e di conseguenza anche dalle possibilità che la persona avrà di interagire a un livello paritario con entrambe le lingue.

bilinguismo

In alcuni casi le due lingue avranno la stessa importanza e verranno utilizzate dalla persona allo stesso modo, in altri casi l’individuo utilizzerà una delle due lingue solo in determinati contesti.

La maggior parte della popolazione mondiale è bilingue o multilingue.  Quando si parla di bilinguismo come accennato sopra, parliamo di un fenomeno linguistico complicato, in cui vi sono differenti casi. Una persona bilingue potrà infatti essere in grado di parlare, leggere e scrivere:

  • in modo fluente in due lingue
  • in una lingua, e parlare in modo fluente l’altra
  • in una lingua, essendo in grado di comprendere un’altra lingua

Aspetti favorevoli e non del bilinguismo

Il bilinguismo comporta uno sviluppo migliore del cervello. I risultati sono si una maggiore capacità artistica, di interpretazione del mondo, maggiore rendimento scolastico e una migliore capacità espressiva. Ovviamente esso avrà anche un impatto positivo nel futuro della persona, che avrà sicuramente molte più possibilità anche lavorative.

Esso presenta secondo alcuni degli aspetti negativi. Molti credono che l’apprendimento di due lingue diverse durante l’infanzia comporti una confusione generale, dove non si apprenderà  in modo corretto nessuna delle due lingue. Molti sostengono che la persona bilingue avrà in futuro un vocabolario meno ampio e una minore rapidità nell’esprimersi.

L’apprendimento di altre lingue

L’essere bilingue inoltre offre una maggiore capacità di apprendimento in generale, soprattutto nell’imparare altre lingue, visto che durante l’infanzia si sono acquisite delle tecniche per imparare un’altra lingua, tecniche che l’individuo sarà in grado di usare nuovamente se necessario.

Uno studio condotto qualche anno fa, chiedeva a diversi gruppi di studenti di memorizzare delle parole inventate. I gruppi erano composti da persone che parlano solo inglese, da persone che parlano inglese e spagnolo e da persone che parlano inglese e mandarino.

I risultati hanno dimostrato che i due gruppi bilingue erano in grado di memorizzare almeno il doppio delle parole, rispetto all’altro gruppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *